Acquapendente, approvate le modifiche al regolamento del funzionamento del Consiglio

0

 

ACQUAPENDENTE – Con 9 voti favorevoli e 2 contrari (consiglieri di minoranza Barbara Belcari e Francesco Luzzi), il Consiglio Comunale di Acquapendente approva modifiche al regolamento funzionamento Consiglio.

Il testo dell’articolo 36 avente come oggetto “Avviso di convocazione – modalità di trasmissione” viene sostituito con “Ai consiglieri che non dispongono di posta elettronica certificata, il Sindaco comunica la convocazione a mezzo di posta elettronica o di breve messaggio “sms” sul telefono. L’avviso di convocazione completo dell’Ordine del Giorno, a disposizione dei Consiglieri e di chiunque vi abbia interesse, è pubblicato sul sito internet del Comune. L’avviso di convocazione indica il giorno, l’ora ed il luogo della riunione”. Il nuovo testo articolo 11 sarà il seguente : “2. Le sedute non possono mai essere pubblicate nel caso in cui siano trattate questioni comportanti apprezzamenti sulle qualità, sulle attitudini, sul merito o sul demerito di persone, o quando la pubblicità dell’adunanza possa arrecare grave nocumento e/o gravi ostacoli al corretto funzionamento delle attività dell’Amministrazione. 2 bis: nella fattispecie di cui sopra il Presidente provvederà a convocare la Commissione usando la formula “in seduta riservata”. 2 ter: le sedute delle Commissioni non riservate verranno pubblicizzate con le stesse modalità delle sedute del Consiglio Comunale”. “In particolare”, sottolinea il Sindaco Angelo Ghinassi, “ritengo che le Commissioni siano uno strumento di concertazione e di collaborazione, ma che non devono essere condizionate da fattori esterni o pressioni dettate da conflitti di interesse. Occorre soprattutto rispetto per le istituzioni ed evitare di riferire all’esterno di argomenti anche in fase di istruttoria. Evitare pertanto strumentalizzazioni preventive e rispettare la funzione pubblica delle Commissioni. Non bisogna dimenticare, infine, che i cittadini sono sempre “centrali” nelle nostre politiche, ma occorre evitare conflitti con portatori di interessi ed in particolare essere imparziale senza subire pressioni ed interferenze evitando danni riferendo all’esterno situazioni in itinere non decise come per i parcheggi o gli impianti sportivi”.

Nell’esprimere il proprio voto negativo il Consigliere Luzzi sottolinea come “le commissioni siano importanti quale confronto di idee, ma è doveroso anche informare i cittadini. Peraltro sull’argomento non è stata consegnata la documentazione relativa alla modifica dell’articolo 11. Voglio ricordare, infine, che tanto i parcheggi quanto gli impianti sportivi sono argomenti di interesse generale”. Nell’esprimere voto contrario la consigliera di minoranza Barbara Belcari sottolinea che “le commissioni devono rispettare la riservatezza”.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.