Acquapendente, la minoranza replica al sindaco

0

 

ACQUAPENDENTE – In merito alle dichiarazioni rilasciate dal Sindaco Angelo Ghinassi in contemporanea a quanto effettuato nei primi giorni di insediamento, la lista civica di minoranza “La Città a cuore” rende nota una apposita nota informativa:

“Il Nostro sgomento”, sottolineano, “deriva dalla gravità assoluta di alcuni fatti riportati per di più su un sito istituzionale che rappresenta ufficialmente tutti i cittadini aquesiani che con i loro contributo lo finanziano. Primo fatto, si fa riferimento ad una non meglio precisata minoranza (ricordiamo a tutti che in questa legislatura ci sono due gruppi di minoranza nel Consiglio Comunale), che, si scrive testualmente, “rappresenta Forza Italia” e che avrebbe criticato la dimissione da Consiglieri dei quattro assessori con relativo subentro dei candidati non eletti della lista di maggioranza in Consiglio. Vogliamo sapere se la minoranza che “rappresenta Forza Italia”è quella composta da Francesco Luzzi e Fabrizio Camilli o dai consiglieri Solange Manfredi e Barbara Belcari. Per quanto riguarda il Nostro Gruppo dichiariamo che Forza Italia non è partito riferibile alla lista Città a Cuore e che i nostri consiglieri non sono ne vicini ne mai stati iscritti a tale partito.

Pertanto, a meno che il Sindaco si riferisca alla lista della Signora Manfredi, cosa che riteniamo improbabile, pretendiamo immediata errata corrige sul portale del Comune di Acquapendente. Non sono state comunque mosse critiche alla dimissione dei quattro consiglieri, le considerazioni sul fatto che sia avvenuto per la prima volta che un consigliere si dimetta per far posto ad altri e che sembri strano che qualcuno rinunci alla poltrona sono sbagliate entrambe in quanto è già accaduto in precedenza e le poltrone non vengono lasciate ma aumentano,. Si passa da un Consiglio di 13 poltrone ad uno di 17. Sul punto dei compensi concordiamo con il Sindaco che debbano essere corrisposti agli Amministratori, che ringraziamo per il duro lavoro che stanno facendo.

Abbiamo posto in Consiglio la domanda se, rispetto a quelli determinati come massimi nel corso del Consiglio dell’1 Luglio 2016, la Giunta prevedesse o meno la possibilità, con atto successivo di ridurre i compensi come fatto dalla precedente Amministrazione. La risposta del Sindaco ha poi lasciato intendere che la riduzione si poteva considerare solo qualora la situazione delle casse del Comune lo avessero richiesto. E’ chiaro che anche per i Consiglieri di minoranza, il compenso lordo di Euro 13,56, non è rapportato al tempo investito nell’attività politica, ma non si và a sindacare in quanto l’impegno civico è la colonna portante di questa attività non la remunerazione della stessa. Ringrazio il Sindaco per il lavoro che stà svolgendo su diversi fronti, in nuovi programmi e nell’attuazione dei tanti che la precedente Amministrazione ha lasciato in eredità. Siamo consapevoli dell’importanza, anche se organi consultivi delle Commissioni consiliari alle quali partecipiamo rassicuriamo sulla nostra intenzione di fare opposizione in maniera utile alla comunità. L’opposizione non è mai sterile o fine a se stessa, ha un’importanza fondamentale nel confronto democratico, ne garantisce spesso la vera essenza. Se per atteggiamenti polemici si intendono quelli avuti in Consiglio sui temi dell’Ospedale e dei rifiuti dove, sentito l’intervento del Sindaco, abbiamo invitato l’Amministrazione a non ritenere “in sicurezza” la struttura sanitaria in quanto lo stato reale delle cose non è assolutamente questo ma di predisporre interventi verso Asl e Regione Lazio, molto lontani e disattenti rispetto alla Nostra Città e dove abbiamo invitato a non pensare che il problema della raccolta rifiuti sia risolvibile con informazioni sugli orari di deposito strada e relative sanzioni (questioni che vanno comunque riviste per evitare il pietoso spettacolo che avvilisce il paese), ma di porre attenzione sul fatto che l’alto costo non è rapportabile alla qualità del servizio offerto, se per atteggiamenti polemici si intendono questi ultimi allora ben venga la polemica utile a far prendere coscienza dello stato reale delle cose per mettere poi in atto le soluzioni possibili attraverso l’attività dell’Amministrazione, anche come nei casi citati, con la collaborazione della nostra minoranza”.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.