“Civiltà Contadina ed Artigiana”, chiusura in bellezza per Claudio Venturelli

0

 

ACQUAPENDENTE – Uno stupendo viaggio bibliografico in quei bei luoghi dell’Italia nascosta celebrati dal regista Matteo Garrone nel film “Il racconto dei racconti”.

Non poteva che chiudersi in bellezza la terza ed ultima giornata tematica organizzata dalla Riserva Naturale Monte Rufeno nell’ambito della festa aquesiana della “Civiltà Contadina ed Artigiana”. Ancora protagonista nella veste di scrittore l’entomologo Claudio Venturelli,. Che nel suo “petit cahier di viaggio” accompagna gli aquesiani in un insolito viaggio lungo la penisola, attraverso le descrizione di vicende storiche, esperienze culturali, tradizione gastronomiche. Ma soprattutto paesi e luoghi. Come quelli della Regione Lazio (Torre Alfina ed il bosco del Sasseto, Acquapendente e la Via Francigena, Viterbo e le sue vestigia medievali, Sermoneta ed il castello Caetani , Arpino e la sua Acropoli), Abruzzo (Roccascalegna ed il suo castello), Toscana (Reggello ed il Castello di Sammezano, Sovana e le vie cave, Sorano e l’insediamento rupestre di Vitozza, Saturnia e le sue terme, la borgata mineraria di Fenice Capanne con il suo fascino ottocentesco) la Puglia (Castel del Monte e la sua grandiosa costruzione architettonica, Mottola con la sua gravina di Petruscio, Ascoli Satriano con il Museo civico contenente due splendidi grifoni, Orsara e Bovino con la loro enogastronomia) ed, infine, la Sicilia e le sue gole dell’Alcantara.

A rendere ancora più emozionanti le 170 pagine del “tascabile letterario” gli approfondimenti di tutti coloro che hanno affiancato l’entomologo in questo “viaggio letterario” costruendo informazioni fondamentali: Maria Grazia Fontana (Villa Lante di Bagnaia) che ha curato prefazione e conclusioni, Ombretta Sarchioni di Torre Alfina, Cooperativa l’Ape Regina di Acquapendente, Gianluca Forti Museo del Fiore di Acquapendente, Paola Di Scanno per Arpino, Lara Lorenzetti per Fenice Capanne, Valeria Volpe per Orsara, Ascoli Satriano e Bovino ed, infine. Massimo Sottani per castello di Semmazzano. Lo stesso autore assieme alla figlia Gaia, Caterina Maseddu, Alessandro Frignani e Domenico Giangiordano hanno curato le immagini. Mentre Elisabetta Boninsegna con la ricetta “ribollita toscana” Paola di Sanno con “sagne e fagioli”, e Massimo Sottani con la ricetta “crostone, cavolo neo e fagioli zolfini” hanno curato la parte enogatronomica. Il ricavato delle vendite verrà devoluto interamente a “Fondazione Apulia Felix” promotrice di iniziative per la crescita socio-culturale, in particolare a vantaggio dei giovani e delle fasce sociali meno garantite, anche sostenendo forme innovative di imprenditoria giovanile, favorendo lo sviluppo di economia sana e dando corpo al valore dell’impegno sociale e alla responsabilità degli imprenditori. Terminato questo mese, film e libro approderanno in Parlamento. Grazie all’interesse del giornalista Sergio Zavoli verrà realizzata una giornata tematica con ospiti regista e scrittore. In cui verrà proiettato il film e presentato il libro.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.