Comunità Montana Alta Tuscia Laziale e Comune di Acquapendente approvano l’adesione al Gruppo di Azione Locale

0

ACQUAPENDENTE – Gli organi consiliari di Comunità Montana Alta Tuscia Laziale (16 voti favorevoli ed 1 contrario) e Comune di Acquapendente (unanimità) approvano l’adesione al Gruppo di Azione Locale (GAL) Alto Lazio e l’unito statuto formato da 33 articoli.

 

Scopo prioritario, come si può estrapolare dall’articolo 3, “sarà quello di dare attuazione al Piano di Sviluppo Locale approvato dalla Regione Lazio”. Il Comune di Acquapendente e tutti quelli della Comunità Montana (Gradoli, Grotte di Castro, Latera, Onano, Proceno, San Lorenzo Nuovo, Valentano) rivestiranno il ruolo di associazione territoriale in grado di rivestire il ruolo di soggetto responsabile dell’attuazione dello stesso. La medesima avrà termine alla completa attuazione dello stesso. Cinque i compiti – attività come citato nell’articolo 4: a) Assumere interessenze e partecipazioni, sotto qualsiasi forma, in imprese, enti, associazioni, consorzi eccetera, specie se svolgono attività analoghe o comunque attinenti agli scopi dell’Associazione stessa; b) Compiere operazioni e carattere immobiliare, mobiliare, finanziario e bancario, comprese quelle ipotecarie, inerenti l’oggetto sociale, avvalendosi di tutte le provvidenze di legge, contraendo altresì prestiti e mutui nonché assumere e concedere fidejussioni, su tutte le operazioni finanziarie e commerciali necessarie; c) Partecipare a gare e licitazioni private, assumere e sottoscrivere convenzioni, contratti di appalto e/o di servizio con associazioni, enti pubblici e privati; d) Dare corso ad ogni altra iniziativa finalizzata alla migliore realizzazione dello scopo sociale; e) Possibilità di accedere ad altri eventuali incentivi ed agevolazioni offerti dall’Unione Europea, dallo Stato, dalle Regioni e da altri enti pubblici e privati operando anche di concerto con altri interventi di programmazione negoziata presenti o previsti nel territorio.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.