Aiutare il supermergatto, un gesto importante per le colonie feline

0

VITERBO – E’ sistematico che con l’arrivo dell’estate, arrivino anche tantissimi nuovi gattini all’interno delle colonie feline regolarmente autorizzate. Questo non fa altro che inasprire le già precarie condizioni di chi giorno dopo giorno, instancabilmente si adopera per far si che tutti i nostri amici felini abbiano la loro giornaliera dose di pappa e di cure.

 

Un mondo sommerso quello delle, così amichevolmente definite, “gattare”, ma vivo e quanto mai attivo. Nessun premio a tutti coloro che si prodigano nel salvare piccole esistenze, ma una grande ammirazione e stima da parte di tutto il mondo animalista e non.
La colonia felina, è un mondo circoscritto, che ha un proprio assetto ed una propria gerarchia; evita ai gatti di finire travolti dalle auto, di dover migrare per procurarsi il cibo, e soprattutto previene o circoscrive pericolose epidemie che in assenza potrebbero rappresentare pericolosissime mine vaganti per gli animali e talvolta anche per l’uomo.

 

Per dare una forte mano a alle oltre 250 colonie feline esistenti al momento sul territorio del nostro comune, è stata da me lanciata nel 2013 la campagna SUPERMERGATTO, che consisteva nel posizionare in ogni supermercato ed in ogni punto vendita di prodotti per animali, un cestino per la raccolta volontaria di cibo da destinare alle colonie.

 

Tale raccolta ha permesso a tutt’oggi di raccogliere, grazie a quanti amano gli animali, una quantità di cibo veramente sbalorditiva, ma, purtroppo ancora non sufficiente al bisogno effettivo delle comunità feline.

 

A questo scopo, rivolgo un accorato appello a tutti coloro che si accingono a fare la spesa presso tutti i supermercati e negozi aderenti all’iniziativa, di donare magari solo una piccola scatolaletta da pochi centesimi e posizionarla nel cestino contraddistinto dalla, ormai divenuta familiare, immagine

 

presente in questo articolo, perchè con un piccolissimo gesto, potrete aiutare tantissimi gattini in difficoltà e , chiaramente, chi si prende buona cura di loro. Grazie.

 

Leonardo De Angeli

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.