Il cane rafforza il sistema immunitario e la sua saliva potrebbe contenere sostanze utili all’organismo umano

1

 

VITERBO – Per anni le nostre mamme si sono affannate a ripeterci “non farti leccare dal cane!!” come se la saliva del povero animale fosse ricettacolo di virus e stregonerie malvagie, ma oggi, con i moderni mezzi, si è dimostrato ampiamente che l’interazione con un cane, all’uomo, non porta che benefici.

 

Persino l’ultimo baluardo, la tanto temuta saliva, oggi appare non più come un pericolo ma addirittura come toccasana. Dobbiamo quindi rafforzare il famoso detto “leccarsi le ferite”, che in realtà risulta essere nei cani, un potentissimo cicatrizzante e disinfettante. I ricercatori statunitensi Kim Kelly e Charles Raison, ricercatori della Boston University, hanno scoperto che alcuni batteri presenti nella saliva del cane e nella sua microflora intestinale potrebbero avere un meccanismo d’azione simile a quello normalmente svolto dai probiotici, conosciuti per essere un toccasana anche per l’organismo umano. Tali agenti, dunque, non solo promuoverebbero la salute del nostro organismo in generale, ma sarebbero anche implicati nel rafforzamento del sistema immunitario. La saliva dei cani contiene microbi che possano avere un effetto benefico sull’organismo dell’essere umano agendo in modo analogo ai lattobacilli e ai bifidobatteri. La loro è senz’altro una scoperta molto vicina a quella già confermata, in passato, da altri ricercatori per cui le difese immunitarie dei bambini risulterebbero rafforzate dal contatto quotidiano con i cani, prevenendo una moltitudine di disturbi fra cui le infezioni respiratorie, l’asma e le allergie in genere.

 

Tutto ciò è rafforzato da uno studio condotto da Kelly e Raison su 50 volontari che hanno accolto un cane nella propria casa per tre mesi, durante i quali si sono farri ripetutamente leccare il viso. I volontari, sottoposti a periodici controlli non invasivi, hanno riscontrato molto giovamento all’interno del loro intestino e nella salute psicofisica in generale.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.