Bassano Romano: Prefettura dà ragione ad Alfredo Boldorini, è ancora lui il presidente del consiglio comunale

0

 

BASSANO ROMANO – Clamoroso colpo di scena nella vicenda bassanese che ha visto contrapporsi il consigliere comunale e la maggioranza consigliare di Piazza Umberto I. 

Con una nota recapitata negli uffici comunali infatti l’Ufficio Territoriale del Governo di Viterbo avalla la tesi del presidente del consiglio comunale. Le dimissioni annunciate a voce in consiglio e mai formalizzate per iscritto, sono valide?

Secondo la Giunta Maggi, si, in quanto fa fede la delibera di consiglio. Secondo Boldorini no, in quanto non sono state mai formalizzate per iscritto. Quanto mai necessario – a questo punto – era porre un quesito alla Prefettura. Che, senza indugi, ha chiesto ed ottenuto una “relazione dettagliata” di quanto successo al sindaco ed alla segretaria comunale. Dopo averla acquisita, valutata ed aver interpellato anche il Ministero degli Interni, secco e senza appello è arrivato il verdetto.

“Con riferimento alla nota 8273 del 9/9 u.s. relativa alle dimissioni del Presidente del Consiglio Comunale Alfredo Boldorini, sentito il parere del Ministero dell’Interno, – scrivono dalla Prefettura – si rappresenta che in mancanza di una specifica disciplina statutaria e regolamentare in tema di efficacia delle dimissioni del presidente del consiglio comunale, si ritiene applicabile il regime disposto dal legislatore statale per dimissioni dei consiglieri comunali (art. 38 comma 8 del TUEL ndr) che ne prevede l’efficacia e irrevocabilità una volta portate a formale conoscenza del destinatario”.

In altre parole Boldorini era e rimane il presidente del consiglio comunale in carica e, essendo tale, – fanno intendere implicitamente – era un suo diritto essere coinvolto nella vita amministrativa dell’Ente. Piena soddisfazione è stata espressa dal diretto interessato che – con un colpo di biliardo – ribalta in modo netto la versione della giunta Maggi.

“Ringrazio gli uffici della Prefettura ed il Prefetto in particolare per la disponibilità e l’attenzione mostrata. Sono molto contento – aggiunge Boldorini – che alla fine la mia tesi e soprattutto che la verità e la trasparenza abbiano vinto. C’è voluto del tempo però alla fine sono soddisfatto che la verità sia uscita fuori. Per rispondere alle accuse della maggioranza ho atteso di essere in possesso della risposta della Prefettura di Viterbo. Non solo solito infatti formulare accuse campate in aria. Mi piace muovermi sempre e comunque con documenti ufficiali”.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.