Canepina ricorda il 25 aprile

1

 

CANEPINA – Con l’omaggio alla lapide che ricorda l’eccidio di Paolo Braccini, posta nella Scuola allievi sottufficiali di Viterbo, sono iniziate alle 9 le cerimonie in ricordo del 25 aprile da parte del Comune di Canepina.

 

“L’amministrazione comunale ogni anno si reca a Viterbo – spiega il sindaco di Canepina Aldo Maria Moneta – e lo ha fatto anche quest’anno: Braccini, nato a Canepina e vissuto qui per alcuni anni, ha lasciato un esempio di integrità e forza morale che tutti dovremmo seguire: è un onore rendergli omaggio”.

 

Successivamente la delegazione ha partecipato al corteo da Porta Romana fino al liceo Buratti, dedicato alla memoria del martire viterbese, per poi far rientro a Canepina, dove, alle 11, sono state poste delle corone d’alloro nei monumenti che ricordano i caduti delle due guerre mondiali e il bombardamento del 5 giugno 1944, che causò la morte di 117 persone. Presente alla cerimonia, oltre ad assessori e consiglieri comunali, anche il sindaco dei bambini e dei ragazzi, Lorenzo Palozzi.

 

“Nostra intenzione – ha concluso Moneta – è quella di perpetuare il ricordo presso le giovani generazioni, che devono essere consapevoli di come la libertà non è un dato acquisito per sempre, ma si conquista ogni giorno”.

 

Commenta con il tuo account Facebook
Share.