Caprarola, al via ciclo di incontri su migrazioni, accoglienza, integrazione

0

 

CAPRAROLA – Al via a Caprarola un ciclo di incontri su migrazioni, accoglienza, integrazione organizzato dal circolo Legambiente Lago di Vico in collaborazione con Amistrada e Arci Viterbo e con il sostegno del Comune di Caprarola. Luogo dell’iniziativa è il Palazzo della Cultura in Via della Repubblica. Si tratta di una serie di appuntamenti tematici con operatori dell’accoglienza, esperti di diritto internazionale, acuti osservatori di geopolitica, autori di reportage scomodi e appassionati, per riflettere insieme su processi globali di lunga durata, destinati a riformulare la propria visione del mondo.

Il primo incontro, intitolato “Esodi”, è in programma sabato 22 ottobre dalle ore 16.30 alle 18.30. Flavia Calò, coordinatrice di progetto Medu (Medici per i diritti umani), parlerà di “Rotte migratorie dai paesi sub-sahariani verso l’Europa”. Quindi l’avvocato Fulvio Vassallo Paleologo tratterà il tema “Asilo negato, oltre la retorica dell’operazione umanitaria. Conclude Fabiola Di Pasqua, avvocato esperta di diritto internazionale. Coordina e modera Fabrizio Giometti di Legambiente Lago di Vico.

“Di giorno in giorno – spiegano gli organizzatori – assistiamo allo svilupparsi di un discorso pubblico sempre più incentrato sui temi dell’insicurezza e della perdita dell’identità, o alternativamente, sulla vittimizzazione dello straniero. Una retorica di questo tipo costituisce il terreno più favorevole al radicamento di sentimenti di allarmismo e di minaccia, e di pericolose derive xenofobe, rappresentando il principale ostacolo allo sviluppo di una adeguata gestione politica di fenomeni ormai persistenti e di modelli di integrazione efficaci ed inclusivi. Questo e gli altri appuntamenti in programma nei prossimi mesi intendono fornire strumenti e nuove chiavi di lettura per superare stereotipi legati a questo tipo di rappresentazione, raccontando punti di vista e narrazioni alternative, grazie alle testimonianze di osservatori e protagonisti”.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.