Caprarola: il flamenco di Simone Mor al Festival “Di Voci e Di Suoni”

0

 

CAPRAROLA – Dopo il sound etnico dei Metro Brousse che hanno infiammato il cortile di Santa Teresa lo scorso sabato, arriva al Festival “Di Voci e Di Suoni” l’attesissimo concerto di Simone Mor che si esibirà nel medesimo luogo alle ore 21.30 di sabato 13 agosto.

Chitarrista, polistrumentista, classe 1988, Simone Mor ha sviluppato la sua ricerca musicale rivolgendosi alla musica di qualsiasi luogo, epoca e contesto. Ha iniziato il suo percorso con la musica tradizionale e il blues, proseguendo con il rock, la musica classica e il flamenco.

Una componente fondamentale della sua musica è sicuramente quella etnica: vivendo e viaggiando in Spagna, Italia, Indonesia, Arabia Saudita e Marocco ha studiato flamenco, gamelan balinese, musica tradizionale saudita ed araba, musica afgana, musica Andalusì marocchina, ritmica e improvvisazione, canto armonico, musica afrocubana e balcanica.

Suona inoltre in diversi progetti di musica gamelan, balcanica, mediorientale, classica, jazz, tradizionale italiana, senza dimenticare il flamenco che porterà in scena a Caprarola. Gli strumenti che Simone Mor suona sono chitarra (flamenco, classica, acustica ed elettrica), chitarra battente (strumento a corde tradizionale italiano), rubab afgano (strumento a corde persiano), dutar (strumento a corde dell’Asia Centrale) e armonica a bocca (cromatica e diatonica). Una particolarità di Simone Mor è il suo interesse per le lingue che studia e impara viaggiando: parla infatti italiano, spagnolo, inglese, francese, arabo e indonesiano.

Uno spettacolo poliedrico assolutamente da non perdere, insomma, quello che andrà in scena sabato 13 agosto alle ore 21.30 presso il cortile di Santa Teresa a Caprarola.

Qualche ultima informazione: per il primo anno i biglietti del Festival potranno essere acquistati sia al botteghino al costo di 10 €, sia presso l’Ufficio Turistico Comunale di Viterbo (0761 325992) e l’enoteca Bacco & C. di Caprarola (0761 645028) con diritti di prevendita.

Infine, il Festival Di Voci e Di Suoni devolverà interamente il ricavato delle serate alle attività dell’Associazione Amistrada, di cui Maurizio Bruziches è stato co-fondatore, che opera a Città del Guatemala a sostegno dei ragazzi e delle ragazze di strada.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.