Doveva espiare 7 mesi di reclusione, trentenne in manette

0

ORTE – Gli uomini della Polizia di Stato della Polfer di Orte hanno tratto in arresto un trentenne romeno che doveva espiare un residuo di pena per mesi 7 e giorni 14 di reclusione e 340 Euro di multa, per il reato di furto.

 

I poliziotti, durante il controllo dei viaggiatori al bordo del treno RV2321, Ancona-Roma Termini, scorgevano l’uomo seduto tra la moltitudine dei viaggiatori presenti.

 

Lo stesso, alla vista degli Agenti impegnati nelle verifiche dei documenti di identità di alcuni passeggeri, fingeva di dormire profondamente, nel tentativo di eludere i controlli.

 

Tale comportamento insospettiva però gli operatori della Polizia Ferroviaria che provvedevano, immediatamente, agli opportuni accertamenti tramite interrogazioni delle banche dati disponibili.

 

Emergeva che il romeno, oltre ad avere numerosi precedenti penali, risultava gravato da un ordine di cattura emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello de l’Aquila, in quanto doveva espiare un residuo di pena per mesi 7 e giorni 14 di reclusione e 340 Euro di multa, perché responsabile, del reato di furto.

 

Tale attività di controllo a bordo di alcuni convogli inseriti in un contesto di “criticità”, così come disposto dal Compartimento Polizia Ferroviaria per il Lazio, diretto dal Dr. Domenico PONZIANI, intensificati in questi ultimi periodi, ha dato lusinghieri risultati a livello investigativo.

 

Il giovane, dopo le formalità di rito, veniva tratto in arresto ed associato presso la Casa Circondariale “Mammagialla” di Viterbo, a disposizione del Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di l’Aquila .

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.