Montefiascone, immondizia abbandonata fuori dall’isola ecologica

0

Pietro Brigliozzi

 

MONTEFIASCONE – Cartelli, indicazioni, pubblicazione di orari di servizio dell’isola ecologica non servono a nulla; intorno all’isola ecologica di Montefiascone gravitano ancor persone che con il loro concreto comportamento dimostrano di avere un buon grado di maleducazione ed inciviltà.

 

Ancora, questa mattina, a ridosso dei cancelli d’ingresso ove sono stati apposti vistosissimi cartelli con precise indicazioni di orario di servizio dell’isola e condizioni di servizio con norme da rispettare, si è trovato un cumulo di rifiuti solidi urbani di vario genere: da vecchi cuscini a libri, da materiale in plastica a pezzi metallici ed altro.

 

Non si può sapere l’autore dell’ignobile gesto ne le sue origini, ma certo si constata tanta maleducazione e senso d’inciviltà in chi ha lasciato li quei rifiuti. Si deve sottolineare che l’orario di servizio dell’isola è molto largo in tutti i giorni della settimana, eccetto il lunedì, ed ben leggibile sul suo specifico tabellone.

 

E’ necessario, a questo punto, ricordare a tutti che è prima di scaricare i rifiuti, quando i cancelli sono chiusi, necessita verificare se si è nell’orario giusto di servizio quindi è necessario leggere, leggere ed ancora leggere, per poi comportarsi secondo le norme e quanto è stato disposto dalle competenti autorità.

 

Non solo ma, da attento controllo, si è rilevato che rifiuti, ben confezionati in cassette di cartone da vino della cantina sociale ed alcuni sacchi di plastica sono stati abbandonati sotto un albero nei pressi della seconda entrata del Civico Cimitero e questo fatto non solo denota l’inciviltà e maleducazione dell’autore ma anche la sua mancanza di rispetto al luogo sacro qual’è il cimitero e la sua pigrizia di recarsi altre fino all’isola, tenendo conto che dall’albero all’isola ecologica vi è una distanza di appena ottanta metri. Il grande filosofo dell’antica Grecia, Solone, già allora affermava che la civiltà di un popolo si misurava dal sapone che esso consumava, oggi, analogamente, potremmo dire: la civiltà di un popolo e delle persone si misura da come rispettano la il settore dell’ecologia.

 

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.