Montefiascone, via Giranesi sorgente di contestazioni

0

Pietro Brigliozzi

 

MONTEFIASCONE – I lavori effettuati sulla comunale Via Giranesi, effettuati da circa una mesata, sono stati subito oggetto di forti critiche per le modalità con le quali si stavano effettuando. Oggi, a distanza di poco tempo, essi stanno emergendo mettendo in luce quella precarietà che diversi cittadini avevano sollevato nel momento che si stendeva il nuovo manto stradale.

 

In più punti lo strato del nuovo asfalto sta saltando via favorendo il formarsi di buche più a meno grandi sul fondo stradale; buche nelle quali ristagna l’acqua piovana che, poi, nei punti di non perfetto livello, si infila tra il vecchio fondo ed il nuovo manto, favorendo lo sgretolamento del nuovo asfalto, rivelandosi, in concreto, uno strato molto esile, con il conseguente ingrandirsi delle buche stesse. Per fortuna, si domanda qualche utente della strada nei discorsi da bar, l’inverno con le sue gelate non si è fatto ancora vedere; quando verranno le gelate o qualche forte nevicata che succederà?? Senza dimenticare lo sgretolamento del manto bituminoso con il continuo suo disseminarsi per la carreggiata e poi finire nelle fogna, in alcuni casi, e per i campi in altri, trasportato dall’acqua; dopo la beffa di una asfaltatura di dubbia validità, il contributo all’ostruzione delle fognature e l’inquinamento, se pur minimo, dei campi.

 

Nessuno vuole entrare nelle questioni tecniche, poiché vi sono i competenti uffici, ma certo è che i lavori, per come emergono le modalità di resistenza sia al traffico che alle avverse condizioni atmosferiche, dimostrano poca affidabilità e resistenza nel tempo. In genere ogni effettuazione di rifacimento del manto stradale, dura almeno una decina di anni, qui, già dopo un mese, la strada, almeno in alcuni punti, su diversi tratti più o meno vistosamente, lascia a desiderare per cui la sua durata nel tempo si stima molto breve.

 

Di contro emergono altri particolari, per noi di poco conto e scarsa connessione con i lavori, ma che i tecnici responsabili dovranno verificare se connessioni vi sono state. Stando alle dicerie di piazza, sembra che la ditta, nell’eseguire i lavori, su richiesta di singoli cittadini, dietro pagamento diretto, abbia asfaltato tratti non previsti dal capitolato.

 

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.