Operazione “Safety Car”, controllati 8200 automezzi

0

 

VITERBO – La ricerca degli autoveicoli rubati: è questa la ragione per la quale la Questura di Viterbo, dal 20 al 23 giugno scorsi, ha predisposto una serie di servizi straordinari di controllo, mettendo in campo numerosi uomini e sofisticati mezzi.

 

L’operazione ad alto impatto “Safety Car”, attuata nell’ambito dei controlli disposti a livello nazionale dalla Direzione Centrale Anticrimine della Polizia di Stato, è stata finalizzata a prevenire i reati in genere, con particolare riferimento al contrasto del fenomeno di furti e rapine di autoveicoli.

 

A Viterbo e Tarquinia i servizi, coordinati dal Dirigente l’Ufficio Prevenzione e Soccorso Pubblico Dr. Riccardo BARTOLI, hanno prodotto risultati considerevoli: sono stati 8.200 gli automezzi controllati e sono emersi 6 casi di autoveicoli con targa positiva agli accertamenti di polizia giudiziaria effettuati nelle banche dati disponibili. Altri veicoli oggetto di furto, appropriazione indebita e con ulteriori problematiche sono stati individuati dai poliziotti, raggiunti, fermati e trattati in Questura.

 

I servizi sono stati effettuati dagli uomini della Questura, del Commissariato di Tarquinia e della Polizia Stradale, con il rilevante contributo degli equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Lazio.
Sono stati proprio i sistemi Scout Nav, in uso alla Polizia Stradale e Mercurio installato sugli automezzi del Reparto Prevenzione Crimine, che hanno consentito in controllo di più di 8000 targhe di autoveicoli.

 

Lo “Scout Nav” è composto da una telecamera, montata sul parabrezza anteriore dei veicoli della Polizia Stradale, che è in grado di esaminare le targhe delle autovetture, in sosta e in transito e verificare, in tempo reale, se sono assicurate o rubate.

 

Ancora più sofisticato il sistema “Mercurio” del Reparto Prevenzione Crimine” che è costituito da un tablet e da una telecamera esterna, utilizzata per la video sorveglianza in mobilità: consente in tempo reale di compiere direttamente accertamenti sulle persone fermate, di leggere automaticamente le targhe e di trasmettere alla Sala Operativa le immagini dello scenario in cui gli operatori sono impegnati.

 

Proseguirà senza sosta l’attività di prevenzione della Polizia di Stato, programmata in modo sempre più incisivo e diffuso, soprattutto per il periodo estivo, che sarà finalizzata a garantire, nell’arco delle 24 ore, un continuo e approfondito controllo del territorio.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.