Operazione “The Mask”, catturato l’ultimo fuggitivo

0

VITERBO – Questa mattina i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo di Viterbo unitamente a quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile di Civita Castellana hanno definitivamente messo fine al pericoloso sodalizio criminale dedito alle rapine ai danni degli istituti di credito anche della Tuscia.

 

I Carabinieri lo scorso 24 novembre avevano dato esecuzione a 5 ordinanze di custodia cautelare in carcere disarticolando un’associazione per delinquere di alto spessore criminale che aveva già perpetrato tre rapine in banca e ne stava progettando ulteriori tre nei territori del Lazio e dell’Umbria. Durante l’operazione, denominata convenzionalmente “The Mask”, uno dei rapinatori risultava irreperibile presso il proprio domicilio. I militari, attivando immediatamente le ricerche e grazie all’incessante ed ininterrotta attività informativa svolta con l’ausilio dei Comandi dell’Arma dislocati nel territorio della capitale, sono riusciti ad individuare il sesto malvivente gravato anch’egli dall’ordinanza di custodia cautelare.

 

In particolare i Carabinieri, fin dalle prime ore dell’alba, hanno eseguito un servizio di osservazione con macchine civetta, di fronte un locale di ristorazione in zona prenestina, dove il rapinatore era solito fare colazione. Alle 09.30 è scattato il blitz: i militari, notando il malvivente avvicinarsi al bar, mentre prendeva un caffè (un amaro caffè) lo hanno accerchiato ed immobilizzato, traducendolo al carcere di Roma – Regina Coeli.

 

Si chiude così un’intensa attività investigativa, durata 4 mesi, che vede i Carabinieri del Comando Provinciale di Viterbo in prima linea nel contrasto dei reati contro il patrimonio, andando a colpire quelle organizzazioni violente che aggrediscono il territorio della Tuscia.

 

L’operazione ha consentito, durante la fase investigativa, anche di recuperare ingenti somme di denaro asportati dalle banca, rinvenire numerosi documenti falsi e le maschere in gomma utilizzate dai rapinatori.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.