Videosorveglianza e varchi elettronici al centro del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica

1

VITERBO – Si è protratta per oltre due ore la riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica tenutasi stamattina in Prefettura con all’ordine del giorno il decoro urbano e la tutela ambientale, cui hanno partecipato i vertici delle Forze dell’Ordine locali, il Sindaco di Viterbo e il Presidente della Provincia.

 

È stata condivisa l’istituzione di più tavoli interistituzionali finalizzati allo sviluppo di azioni in materia di sicurezza integrata della città, prevedendo l’implementazione della videosorveglianza e l’imminente attivazione di ulteriori varchi elettronici per arginare i devastanti fenomeni di sosta selvaggia che, specie nei fine settimana, rendono critica la fruibilità delle vie e delle piazze del centro storico nonché l’attivazione di specifiche misure volte a contenere l’incivile e deprecabile fenomeno dell’abbandono dei rifiuti.

 

Nel quadro di un efficace rapporto di collaborazione tra Amministrazione statale e Amministrazione locale, articolata nel rispetto delle reciproche competenze e responsabilità, tali risoluzioni dovranno trovare la più adeguata regolamentazione nel protocollo interistituzionale “Viterbo Città Sicura” la cui articolata definizione sarà oggetto di apposito confronto.

 

Si tratta di dare una veste formale ad una collaborazione già in atto fra le istituzioni per migliorare le condizioni di sicurezza del territorio e della città di Viterbo che – come ha sottolineato il Sindaco Michelini – ha visto nell’ultimo periodo un’esponenziale crescita turistica cui è necessario far fronte con interventi e mezzi adeguati.

 

Particolare attenzione, nell’intero ambito provinciale, è stata dedicata, poi, alle problematiche di tutela ambientale, materia anch’essa oggetto di un mirato protocollo che disciplinerà ex novo l’attività della “Commissione per la Sicurezza Ambientale” cui saranno chiamati a far parte, oltre a tutte le Forze dell’Ordine, l’Arpa Lazio e la Provincia.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.