“Perdita d’acqua pubblica allaga cantina e locali privati, ma l’amministrazione comunale continua a dormire”

0

VITORCHIANO – “Sono a denunciare un nuovo disservizio e palese disattenzione di questa statica Amministrazione Comunale che dal suo insediamento non ha fatto nulla per il nostro paese e per i cittadini tutti.

 

Più di una volta mi sono recata presso gli uffici competenti e dal primo cittadino per far presente un problema che da più di 2 anni investe il mio immobile, ed un piazzale condominiale antistante, con notevoli disagi per i fruitori dello stesso, peggiorando dal mese di Luglio.

 

Nel tempo ho rilevato una perdita d’acqua che è aumentata costantemente a dismisura, allagando la mia cantina, la mia taverna ed il magazzino di un altro condomino facendo salire l’umidità nel mio appartamento sovrastante. Tutto ciò, come già detto, è stato più volte argomentato sia all’ufficio tecnico che nella persona del sindaco.

 

Dopo essere intervenuti con gli operai per sondare la perdita d’acqua, che deriva, a detta degli esperti dell’Ufficio Tecnico, da una perdita della condotta dell’acqua pubblica, con due saggi nel terreno, senza sapere dove passa la conduttura e non avendo risolto il problema che ne deriva, tutto è rimasto com’era.

 

Ritornando poi presso l’ufficio tecnico per sollecitare ulteriori iniziative, ho ricevuto minacce di addebito del costo del lavoro svolto dagli operai e del mezzo intervenuto per realizzare i due saggi.

 

Non ritengo giusto questo comportamento adottato verso la mia persona o verso qualsiasi altro membro della comunità, in quanto io, ho sempre contribuito al pagamento delle tasse dovute, ricevendo in cambio scortesie e disinteresse da parte degli amministratori, ritengo altresì che con la carenza di questo bene primario e prezioso che è l’acqua, non se ne debba sprecare neanche una goccia visti anche gli aumenti delle tariffe idriche che sono state adottate da questa amministrazione.

 

Non arrendendomi a tale situazione, mi sono recata ancora presso l’ufficio tecnico suggerendo di contattare una ditta che fosse in possesso di uno strumento che rivela il tracciato della condotta dell’acqua, con la quale collaborare per risalire alla rottura, fornendogli anche il nome e numero telefonico, sembrava che fosse possibile l’intervento di questa azienda, che già collabora con la nostra amministrazione comunale, ma a tutt’oggi nessuno è più intervenuto per sanare la perdita descritta.

 

Con l’avvicinarsi della stagione invernale e l’abbassamento delle temperature, la perdita d’acqua, che si riversa sulla strada di via della Palombara, ghiacciandosi potrebbe risultare pericolosa sia per i pedoni che per il traffico veicolare.

 

Si è instaurata una sorta di scarica barile tra amministratori, sindaco ed ufficio tecnico, che sono stati contattati anche dal corpo dei Vigili del Fuoco di Viterbo, interessati dalla sottoscritta che teme per la stabilità dell’edificio in questione.

 

Ai Vigili del Fuoco era stato assicurato che si sarebbe proceduto con una gara d’appalto per l’individuazione di una ditta specializzata ad eseguire i lavori necessari. A tutt’oggi, nell’albo pretorio, dove vengono indicate le gare d’appalto, non risulta nessuna gara per i suddetti lavori…. Un’altra presa in giro?

 

Speranzosa che questo mio sfogo, possa servire a svegliare questa amministrazione dormiente e risolvere finalmente il problema”.

 

Mariassunta Egidi

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.