Mangia due cioccolatini al rum prima di mettersi in viaggio, guida vietata a un conducente di autobus GT

0

 

VITERBO – Gli uomini della Polizia di Stato della Sezione Polizia Stradale di Viterbo ed i colleghi dei Distaccamenti di Monterosi e Tarquinia in questi giorni sono impegnatissimi nello svolgere i previsti controlli mirati sugli autobus GT che vengono utilizzati dai vari istituti e scuole provinciali per effettuare le gite scolastiche.

 

Il protocollo di collaborazione sottoscritto dal Dipartimento della P.S. – Servizio Polizia Stradale ed il MIUR, il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, come noto, è finalizzato a svolgere il maggior numero possibile di verifiche sui mezzi adibiti al trasporto collettivo di persone che vengono usati per percorrere talvolta anche tratte di centinaia o migliaia di chilometri al fine di effettuare le tanto attese, dagli studenti, “gite scolastiche”: la revisione, le dotazioni di sicurezza, l’efficienza generale del veicolo, i tempi di guida, le condizioni psico-fisiche del conducente sono aspetti che la Polstrada di Viterbo verifica pressoché ogni giorno, visto il periodo propizio per le gite.

 

E proprio durante una di queste verifiche, il personale di pattuglia intervenuto ha avuto modo di rilevare, tramite l’etilometro, come l’autista, che stava caricando i bagagli degli studenti sul pullman, si trovasse in stato di alterazione psico-fisica: ebbene sì, lo stesso ha immediatamente ammesso di essersi mangiato due cioccolatini ripieni di rum poco prima dell’arrivo degli Agenti. Ovviamente, allo stesso è stato inibito di mettersi alla guida fintanto che non avesse smaltito l’alcool: per gli autisti professionisti, infatti, il tasso alcolemico deve sempre essere pari allo zero.

 

Nell’ambito di ulteriori controlli ai bus scolastici, un’altra pattuglia della Polstrada ha intimato al titolare del pullman di sostituire un pneumatico perché gravemente deteriorato, cosa che avrebbe messo a repentaglio la sicurezza dei viaggiatori.

 

Questi episodi testimoniano il fatto che sia di gran lunga preferibile una verifica in più, magari un piccolo ritardo nell’inizio del viaggio, ma che questo viaggio poi si svolga in modo tranquillo e sicuro.
Gli agenti della Polstrada vigilano affinché tutti gli studenti e le loro famiglie possano godersi una gita piacevole ed un ritorno a casa privo di preoccupazioni.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.