Riapertura Ferrovia Civitavecchia-Capranica-Orte, le riunioni del comitato nelle ultime 24 ore

0

PROVINCIA – “Come dei piloti di formula 1, impegnati nella grande corsa “24 Heures du Mans”, la gara di automobilismo che si svolge a Le Mans in Francia, i volontari del comitato per la riapertura della Ferrovia Civitavecchia-Capranica-Orte hanno partecipato negli ultimi giorni e ore ad importanti incontri e riunioni con cittadini, politici, rappresentanti delle istituzioni svolgendo opera di sensibilizzazione e ferma richiesta della riapertura della Ferrovia Civitavecchia-Capranica-Orte.

 

Dopo l’ incontro avvenuto il 5 gennaio 2016 con l’on Massimiliano Bernini (M5S) e l’ing Marco Martens, quello avvenuto con il Presidente della Provincia Mauro Mazzola e la riunione con l’on Emiliano Minnucci presso la sede del PD di Manziana, negli ultimi due giorni i rappresentanti dei comitati per la riapertura della CCO hanno partecipato ad altre importanti riunioni.

 

A Fabrica di Roma l’11 gennaio 2015 riunioni separate con i consiglieri comunali del Partito Democratico Giancarlo Piergentili e Ornella Angeletti e con i Meet-up del M5S di Fabrica di Roma fra i quali i rappresentanti Giuliano Desideri e il consigliere comunale di Civitacastellana Maurizio Selli ; a Roma il 12 gennaio 2015 dietro iniziativa dell’on. Oreste Pastorelli (PSI), con la segreteria del Vice Ministro on. Riccardo Nencini e alla Regione Lazio con il Presidente della Commissione Trasporti Enrico Panunzi (PD) e con il consigliere Riccardo Valentini (PD), che ci ha informato dell’approvazione a maggioranza da parte del Consiglio regionale di un ordine del giorno, presentato dai consiglieri regionali M5S e appoggiato da tutti i consiglieri PD, che ritiene prioritaria la riapertura della linea ferroviaria Civitavecchia Capranica Orte.

 

La delegazione dei comitati, molto nutrita e preparata tecnicamente, formata da Marco Montagnani, Dario Mazzalupi, Giancarlo Di Lauro, Raimondo Chiricozzi, è stata supportata da esperti consulenti, quali l’ing. ferroviario Gabriele Bariletti e il Presidente UIRNET Marcello Mariani. I componenti hanno con entusiasmo, partecipato al tour de force, animati dalla forza di volontà e dalla certezza interiore di essere nel giusto rivendicando, attraverso la riapertura della linea ferroviaria, che è bene ricordare raccorda il Mar Tirreno all’Adriatico, lo sviluppo economico della Tuscia e di tutto il Centro Italia.

 

A tutti gli interlocutori i comitati hanno mostrato come la riattivazione immediata del tratto ferroviario Capranica-Orte (provvisto di binari), combinato con la velocizzazione della FL3 attraverso l’installazione di scambi a 60km/h nelle stazioni tra Cesano e Viterbo, possa risollevare, l’economia della Tuscia, agevolando la mobilità dei pendolari e favorendo il turismo. E’ da ricordare che la tratta Capranica-Orte è stata chiusa nel 1994 a pochi anni da un incremento demografico dell’area a nord di Roma e, soprattutto, dalla futura rinascita della attuale FL3 Roma-Cesano-Capranica-Viterbo che, grazie a raddoppi ed elettrificazione, vede sui proprio binari non più piccole carrozze diesel, ma treni a doppio piano con almeno 4 carrozze.

 

Molto positiva la valutazione complessiva che da queste riunioni è possibile trarre. Ciò è dovuto sicuramente al momento storico, in cui si richiede il ritorno alla mobilità ferroviaria, che consegue dalla riflessione che i cittadini e il mondo politico stanno facendo sulla necessità di ridurre l’inquinamento atmosferico, per tutelare la salute, bloccare il processo distruttivo e migliorare la qualità della vita.

 

Sulla proposta della riapertura, infatti, a riunioni terminate è possibile registrare il consenso dei cittadini di Fabrica di Roma e di Civitacastellana, del Partito Democratico di Fabrica di Roma, del M5S di Fabrica di Roma e Civitacastellana e del responsabile della Commissione Trasporti regionale On Enrico Panunzi, che ha affermato la sua piena disponibilità alla instaurazione di un tavolo tecnico presso la Regione Lazio, al fine di determinare la ripresa dell’iniziativa finalizzata alla riapertura.

 

Molto importante la valutazione che è possibile effettuare in particolare dopo la riunione avvenuta presso la Segreteria del vice Ministro On. Riccardo Nencini.

 

Lo staff della segreteria, fra cui urbanisti di elevate capacità, ha mostrato documenti programmatori, che sono alla valutazione di tavoli tecnici preposti, che riguardano lo sviluppo economico del Centro Italia, attraverso la mobilità ferroviaria, pienamente compatibili con il raccordo del mar Tirreno e Mar Adriatico e quindi con la riapertura delle Ferrovia utilizzabile per il Trasporto locale e internazionale.

 

Infatti la Ferrovia Civitavecchia-Capranica-Orte e’ una esigenza dei cittadini locali viterbesi, delle popolazioni del Centro Italia, della stessa Italia e dell’Europa.

I comitati continueranno a svolgere opera di sensibilizzazione con riunioni aperte ai cittadini nei paesi interessati dalla Ferrovia, incontri con Sindaci e amministrazioni; su sollecito dell’on. Emiliano Minnucci, membro della Commissione trasporti della camera dei Deputati, chiederanno di essere ricevuti dalla stessa Commissione; con l’organizzazione di un Seminario di studi e proposte per lo sviluppo economico e sociale del Centro Italia che la mobilità, soprattutto ferroviaria favorisce”.

 

Raimondo Chiricozzi

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.