Rimosse a Belcolle le “griglie della vergogna”

0

VITERBO – “Dopo tante segnalazioni inoltrate da FondAzione e da altri soggetti (tra cui OnTuscia.it, ndr), con stupore, abbiamo rilevato la rimozione di quella segnaletica che per molti mesi ha delimitato le cosiddette “griglie della vergogna”, in quanto questa forzata deviazione del traffico automobilistico creava non solo rischi per la normale viabilità, ma rappresentava l’emblema dello stato di abbandono dell’ospedale di Belcolle, ancora alle prese con il suo mancato completamento che lo classifica, tuttora, come ospedale di serie B.

 

Vuoi vedere che la sistemazione delle griglie è un primo segnale concreto di quanto sta asserendo con grande soddisfazione il premier Renzi, e cioè che l’Italia sta ripartendo, che sta uscendo dalla crisi, che l’occupazione è in aumento, che tanti lavoratori sono passati a contratto indeterminato, che abbasserà le tasse e che tutto va bene “Madama la Marchesa”?

 

Se così non fosse, allora si tratterebbe di un “miracolo” inaspettato, magari compiuto da Santa Rosa, mettendoci del suo per ripristinare una situazione divenuta veramente disdicevole e, alla quale, in questa occasione, rivolgiamo un’altra preghiera: che sia messo in funzione lo scivolo per i diversamente abili, da mesi completato ma che ancora risulta inutilizzato per consentire l’accesso a Belcolle senza barriere architettoniche.

 

A volte, la potenza divina si manifesta con più frequenza rispetto all’intervento dei politici e degli amministratori”.

 

Roberto Talotta
Direttivo Comunale di FondAzione

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.