Sicurezza, le Forze dell’Ordine intensificano i controlli

0

VITERBO – Quando sui media locali si inizia a sproloquiare su microcriminalità in aumento e scarsa presenza delle forze dell’ordine (fatto, questo, che ha permesso alla malavita di mettere a segno alcuni colpi negli ultimi tempi) per poi commentare il disagio arrecato ai viterbesi da un classico posto di blocco messo in atto da Polstrada e dalle Volanti della Questura (a seguito della rapina messa in atto a Graffignano ai danni dell’ex comandante della Scuola Sottufficiali) è troppo anche per la pazienza dei tanti addetti alla sicurezza dei cittadini.

 

Il tutto nonostante i reati gravi siano in diminuzione, nonché la rapida identificazione e denuncia alla magistratura degli autori (giovani viterbesi ) di piccole scaramucce serali.

 

Per tutto ciò, dopo le riunioni in Prefettura del Comitato della sicurezza, venerdì mattina il Questore Lorenzo Suraci, con il comandante della Compagnia Carabinieri di Viterbo, Maggiore Raffaele Gesmundo, il Comandante della Polstrada Gianluca Porroni, il responsabile dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico (Volanti) ed il Capo di Gabinetto, Tiziana Cencioni, hanno tenuto una conferenza stampa sull’argomento.

 

Se da un lato siamo in un buon punto nella classifica delle città italiane più sicure, dall’altro a Viterbo si incontrato persone impaurite che lamentano una condizione di insicurezza più percepita che reale. Per questo – ha sottolineato il Questore Suraci – da alcuni giorni è stato messo in atto un programma di controllo del territorio intenso che andrà avanti per diverso tempo, con posti di controllo e posti di blocco come quello attuato a Piazzale Gramsci, in varie zone della città, sull’Aurelia e sulla 675.

 

Da oggi poi – come ha sottolineato il maggiore Gesmundo – da Bomarzo a Graffignano, da Vitorchiano a Grotte S.Stefano, con il supporto di uomini provenienti da Roma, dei CIO e l’ausilio di un elicottero, il lavoro dei colleghi impegnati su strada verrà supportato con visori notturni che permetteranno si verificare elusioni dei posti di blocco con relative fughe.

 

Il questore poi ha evidenziato come sia le Volanti che la Polstrada intensificheranno i sevizi inerenti il problema identificato come “Stragi del Sabato Sera”. In pratica una cornice di sicurezza che non può portare Viterbo e provincia ad essere a rischio “0”.

 

Oggi le sale operative di Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza sono tutte collegate tra loro da un sistema tramite telecamere che sta dando ottimi risultati; se poi i commercianti incrementassero la loro sicurezza aderendo al Securshop, che conferma la sua straordinaria performance ovunque sia stato utilizzato, si otterrebbero altri ottimi risultati. La conferenza stampa è stata indetta anche per dare ai cittadini il senso della complessità della gestione della sicurezza e dell’impegno da parte delle forze dell’ordine.

 

Foto G de Zanet- Conferenza Questore Suraci (2)

 

Foto G de Zanet Polizia P Blocco (10)

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.