“Crescita del numero di imprese è un segnale positivo per la nostra economia”

0

VITERBO – Il sistema delle imprese della provincia di Viterbo nel 2015 si conferma in lieve crescita con un saldo positivo tra aperture e chiusure dello 0,39%. È quanto emerge dal Rapporto Movimprese di Unioncamere realizzato sulla base del Registro Imprese della Camera di Commercio di Viterbo.

 

Sono state infatti 2.224 nel 2015 le imprese iscritte (erano 2.157 nel 2014). contro le 2.078 imprese cessate, al netto delle cancellazioni d’ufficio (erano 1.993 lo scorso anno), con un saldo positivo di n. 146 nuove imprese in termini assoluti.

 

Si tratta di un dato incoraggiante per il nostro territorio anche se il tasso di crescita risulta essere inferiore rispetto alla media nazionale dello 0,75% e di quella regionale pari all’1,71%.

 

“I dati che fotografano il movimento anagrafico delle imprese – ha dichiarato questa mattina Domenico Merlani (foto), presidente della Camera di Commercio Viterbo, nel corso del convegno dell’Ance – confermano che l’economia della Tuscia, anche se in modo differenziato, sta tenendo. Un segnale positivo che ci fa ben sperare e stimola a mettere in campo le energie positive per consolidare questo risultato. Anche laddove si registrano dei dati negativi, come nel settore delle costruzioni, si scontano ancora gli effetti della crisi, mentre sappiamo che da una parte l’andamento dei mercati finanziari e dall’altra l’approvazione del nuovo codice degli appalti, possano fare da volano importante per la ripresa del mercato immobiliare e la realizzazione delle opere pubbliche”.

 

Per quanto riguarda la forma giuridica, anche la provincia di Viterbo segue il trend nazionale che vede la continua flessione delle ditte individuali e delle società di persone, a vantaggio delle società di capitali. Molti imprenditori si affidano sempre più spesso a formule organizzative più robuste e strutturate che si prestano ad essere più attrattive rispetto a nuovi investitori e a consentire un percorso di crescita più sicuro per l’idea di business.

 

A conferma di quanto esposto, in provincia di Viterbo le ditte individuali diminuiscono dello 0,8%, così come le società di persone la cui decrescita è pari allo 0,25%, mentre al contrario le società di capitali fanno registrare un tasso di crescita del 5,07%.

 

Attualmente nella provincia di Viterbo le società di capitale rappresentano il 16% del totale delle imprese registrate, stazionarie le società di persone che rappresentano il 15,9% mentre le imprese individuali decrescono al 64,8%, residuali le altre forme 3,3%.

 

L’analisi settoriale mostra nel settore agricolo un aumento dello 0,81% dello stock di imprese registrate tra il 2014 e 2015, al netto delle cancellazioni d’ufficio. Quello agricolo si conferma un settore strategico per l’economia del territorio, con un numero di imprese che supera il 30% del totale delle imprese registrate. Tale crescita è anche favorita da misure di agevolazione a livello nazionale con semplificazione degli adempimenti burocratici nel settore e sgravi fiscali a favore di imprese che adottando misure specifiche per favorire il ricambio generazionale. Sono infatti sempre di più i giovani imprenditori che decidono di mettersi in gioco in questo ambito.

 

Una diminuzione nella variazione annuale dello stock si registra invece per l’attività estrattiva pari al -1,89%, per le attività manifatturiere -0,05%, per le costruzioni -1,77% e per il commercio -0,14%. Si tratta di settori importanti per lo sviluppo del nostro territorio con una elevata quota di imprese, 6% circa per le attività manifatturiere, 13,8% per le costruzioni e addirittura oltre il 22% per il commercio.

 

Positiva la variazione dei servizi di alloggio e ristorazione la cui variazione dello stock è di oltre 1%, in un’ottica di sviluppo della vocazione turistica del territorio per un settore che è arrivato a pesare per circa il 6% sul totale delle imprese.

 

Variazione positiva anche per alcuni comparti che hanno un peso percentuale minore, ma che comunque contribuiscono alla crescita complessiva del numero delle attività imprenditoriali. Parliamo della variazione positiva del saldo degli stock per le attività di noleggio e agenzie di viaggio +1,81%, le attività professionali e tecniche +6% circa, le attività immobiliari +3,18%, le attività assicurative e finanziarie +0,9%. Questo dinamismo a volte è frutto di un’auto-imprenditorialità dovuto alla mancanza di altre prospettive lavorative.

 

In calo lo stock dei servizi informazione e di comunicazione -0,21%, così come il trasposto e magazzinaggio -4,22%. Invariato il settore per la fornitura di energia elettrica.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.