Gli oli Dop del Lazio: che eccellenze!

0

 

VITERBO – Un affascinante itinerario nelle province laziali alla scoperta di sapori e territori dell’oro verde. È quanto proposto giovedì scorso, 30 giugno, dalla Camera di Commercio Viterbo allo Slow Food Village con l’evento In viaggio tra gli oli Dop del Lazio: Tuscia, Canino, Sabina e Colline pontine.

A condurre i partecipanti all’incontro tra le peculiarità degli oli, con tanto di guida all’assaggio, i capo panel COI: Palma Esposito per un’ampia descrizione degli oli extravergine di oliva del Lazio; Lorenzo Natale per l’olio Dop Sabina; Luigi Centauri per l’olio Dop Colline pontine;  Eutizio Gentili, Maria Teresa Frangipane e Lucia Lancetti per gli oli Dop Canino e Dop Tuscia.

I lavori sono stati introdotti da Francesco Monzillo, segretario generale dell’Ente camerale, il quale oltre a evidenziare la rilevanza qualitativa e quantitativa della produzione olivicola nella provincia di Viterbo, rappresentando un significativo valore aggiunto per l’intero territorio dal punto vista economico ed enogastronomico, ha sottolineato l’impegno in prima linea della Camera di Commercio Viterbo sia in quanto organismo di certificazione delle Dop Tuscia e Canino, sia per la l’attività di valorizzazione e promozione nei mercati nazionali e internazionali. “Incontri di questo genere – ha aggiunto Monzillo –, così come il concorso regionale Orii del Lazio organizzato da Unioncamere Lazio, contribuiscono al confronto tra gli operatori del settore e far conoscere nella sua globalità il patrimonio olivico della nostra regione”.

Al termine delle degustazioni la chef stellata Iside De Cesare, titolare del ristorante La Parolina e fondatrice della scuola Chef in campus, ha proposto uno show cooking dedicato agli oli Dop Tuscia e Canino e alla patata IGP dell’Alto viterbese, esaltandone le specificità e conquistando ancora una volta anche i palati più esigenti.

L’incontro – a cui hanno preso parte assaggiatori di olio, olivicoltori e frantoiani, enogastronomi e appassionati di cucina – è stato moderato da Stefano Asaro, presidente di Slow Food Lazio e curatore regionale della Guida agli Extravergini di Slow Food Editore.

Iside De Cesare

Iside De Cesare

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.