La Pro Loco di Ronciglione: una Istituzione tra le Istituzioni

0

RONCIGLIONE – “La Pro Loco a Ronciglione – istituzione tra le istituzioni – compie 50 anni; fu istituita con atto del notaio Baroni nel 1966 (rep.1857) e primo presidente ne fu Italo De Felici 1[1] che con la sua passione fece diventare la corsa a vuoto il simbolo di Ronciglione.

 

Nell’ultimo Consiglio comunale del 24 marzo scorso, all’ordine del giorno, era anche l’approvazione dello statuto di una nuova istituzione per le corse a vuoto… Ma come nasce una nuova istituzione? Proviamo a dare una risposta: …“Il diritto è infatti una costruzione statica che riflette in un determinato momento la situazione di alcune istituzioni della società che mutano con più lentezza rispetto ad essa”…2[2]. Spesso, infatti, la società è più avanzata delle istituzioni che la gestiscono e queste vanno valutate per le capacità ,le componenti sociologiche , culturali, verificando se rispondono ai bisogni della collettività, osservando l’attività umana che a volte le costituisce o riforma e a volte le distrugge. E dunque verrebbe da chiedersi: ma c’è davvero bisogno di una nuova istituzione?

 

In consiglio comunale l’assessore Duranti , ha avuto un momento di commossa attenzione quando ha ricordato i nomi del Dott. De Felici, di Soldini – simboli della Pro Loco cittadina – i nomi e il “fare” appassionato che ci hanno consegnato la tradizione del Carnevale; ha ricordato la passione con cui il primo presidente della Pro Loco era capace di far suonare una sirena in piena serata per far accorrere i tantissimi appassionati alle operazioni di familiarizzazione del percorso dei cavalli barberi; ha ricordato il lavoro di una Pro Loco che ha avuto il riconoscimento per la realizzazione di un “Carnevale di classe A”, grande opportunità per il nostro comune. Questi momenti della nostra città su cui il consigliere richiamava l’attenzione, sono stati poi considerati qualificanti e di così grande rilievo da far chiedere al vicesindaco Mario Mengoni, in piena condivisione con Paradisi, che, qualora si procedesse alla costituzione di una nuova “Istituzione Corse a vuoto”, questa nei suoi membri dovrebbe essere scelta dall’intero consiglio come rappresentanza dei cittadini in ogni sua componente.

 

A proposito della rappresentanza in seno alle istituzioni, va anche ricordato che queste – come le assemblee – entrano a far parte della struttura dello Stato quando i partecipanti diventano convinti psicologicamente di far parte di un consesso nuovo, quando si sentono responsabili e rappresentanti dell’intera collettività. E’ esattamente quanto sta già accadendo in una istituzione (esistente!) come la Pro Loco cittadina: essa, infatti, ha lavorato e – soprattutto negli ultimi anni – lavora con la più vasta apertura ai cittadini, costituendo comitati che non escludono alcuno sia per la pianificazione della corsa dei barberi, che per l’organizzazione di grandi eventi. La dedizione di consiglieri come Aquilani, Blasi, la presenza di membri del collegio sindacale che non si sono limitati a guardare i conti ma si sono rimboccati le maniche per collaborare fattivamente, ha coinvolto e può coinvolgere sempre più l’intera popolazione. Le istituzioni si creano e quando non servono solo a partecipare ad un singolo avvenimento importante o come avveniva in secoli andati ad acclamare decisioni del sovrano , quando si riesce a costruire con esse la convinzione di far parte di un gruppo organizzato, allora possono vivere nel tempo e raggiungere traguardi insperati.

 

In Italia la prima Pro Loco fu istituita nel 1881 e quella di Ronciglione è presente senza interruzione da cinquanta anni ed è tra le più antiche della provincia. Ci auguriamo che per questo anniversario l’intera cittadina si attivi e collabori nella promozione di un territorio ricco di risorse; e senza cercare altrove talenti, nella stagione estiva, chiami a far la festa per il Patrono artisti come Marco Mengoni o nuovi talenti come Altissimi e Bigi, musicisti come Sesto Quatrini, attori come Remo Stella … tutti “cavalli di razza” non v’è alcun dubbio, che per celebrare degnamente il mezzo secolo di una importante Istituzione cittadina, si potrebbero vedere quali ideali “padrini” di altrettanti cavalli di razza partecipanti alla corsa a vuoto”.

 

Gianni Ginnasi
Segretario Pro Loco Ronciglione

 

[1] A cui sono succeduti Lazzaroni, Alessandrucci, Scarponi, Sangiorgi, Camilli

 

[2]S.CORCIULO, Percorsi di storia istituzionale europea,

 

De Felici

De Felici

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.