Opportunità e regole della rete: a Viterbo partecipata tappa di Digitaly

0

VITERBO – Non siamo certo fermi ai nastri di partenza, ma il percorso di digitalizzazione delle micro e piccole imprese è ancora molto lungo. Il 98 per cento delle aziende con oltre 20 dipendenti possiede un sito web, ma la percentuale scende al 61 quando non si superano i 9 addetti.

 

Un’impresa su 10 non ha ancora un computer, una su cinque non è dotata di portatile e più della metà non utilizzano tablet. C’è un gap da colmare in fretta, tanto che CNA ha invitato il governo a varare un piano straordinario per la digitalizzazione della micro e piccola impresa italiana. Intanto, l’associazione ha stretto un accordo con Amazon, gigante delle vendite online, Google, Seat Pagine Gialle e Registro.it e, con questi partner, sta tenendo iniziative in 30 territori, per contribuire a diffondere la cultura digitale nel tessuto produttivo.

 

Ieri pomeriggio, Digitaly Imprese -questo il nome del progetto- ha fatto tappa a Viterbo, nello Spazio Attivo dell’Incubatore ICult, che è “la piazza dell’innovazione, grazie anche all’operatività del Fab Lab”, come ha evidenziato, portando il saluto di Bic Lazio, il direttore, Giulio Curti. L’incontro, coordinato da Andrea Sorrenti, presidente territoriale di CNA Comunicazione e Terziario Avanzato – CNA Digitale, è stato introdotto da Luigia Melaragni, segretaria della CNA di Viterbo e Civitavecchia, e Stefania Milo, presidente nazionale di CNA Giovani Imprenditori.

 

Sono quindi intervenuti Calogero Bruno, account manager di Amazon, collegato in videoconferenza, Michela Castellani e Roberta Piras, borsiste del progetto Google – Unioncamere “Eccellenze in digitale 2015”, Gino Silvatici per Registro.it (l’anagrafe dei domini con la targa Internet dell’Italia, con sede all’Istituto di Informatica e Telematica del Cnr di Pisa) e Davide Pierrettori per Seat PG. Questi esperti, ciascuno per l’aspetto di propria competenza, hanno illustrato le opportunità della rete e, insieme, alcune regole che è indispensabile conoscere per sfruttarne il potenziale. “Perché, se è vero che Internet rappresenta uno strumento efficace di promozione soprattutto per le aziende di dimensioni più ridotte, che realizzano prodotti originali e di alta qualità, serve però adottare numerosi accorgimenti”, hanno concordato.

 

“Digitaly punta a realizzare un’azione di contaminazione che aiuti le piccole e piccolissime imprese a superare le difficoltà, spesso di tipo organizzativo oltre che economico, nel corretto utilizzo delle tecnologie digitali, ormai imprescindibili per chi voglia conquistare nuovi mercati e internazionalizzarsi -afferma Melaragni-. CNA, sia con i partner nazionali che con le tante imprese associate specializzate, mette a disposizione formazione e competenze: dalla strategia di web marketing all’attivazione dell’e-commerce, dallo storytelling alla gestione dei social media”.

 

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.