Sistri, CNA delusa: “Il nuovo sistema è lo specchio del precedente”

0

 

VITERBO – “Stessi dispositivi Usb, stesse black box, stessi contributi annuali, dovuti a prescindere dall’effettiva operatività del sistema, ancora procedure complesse e onerose: il nuovo Sistri, insomma, al momento è lo specchio del precedente. Rimangono l’impegno a intervenire e le promesse di semplificazione e riduzione dei costi. Tutto rinviato, però, a decreti successivi”. Lo afferma la CNA.

 

“Le aspettative hanno riservato, anche stavolta, un’amara delusione – prosegue l’Associazione -. La riduzione dei contributi per questo sistema di tracciabilità dei rifiuti pericolosi che non ha mai funzionato, era stata infatti garantita ufficialmente, in risposta a una interrogazione parlamentare, dal sottosegretario Silvia Velo già per quest’anno per poi essere smentita a ridosso della scadenza del 30 aprile”.

 

“Per ora niente di fatto, dunque, e solo dopo la conclusione delle procedure di affidamento del sistema a un nuovo gestore e le eventuali semplificazioni, le imprese potranno sperare in un alleggerimento, almeno parziale, dei costi inutili e sproporzionati che sostengono ormai dal 2010, per un ammontare di circa 170 milioni di euro. Per giunta, nel frattempo le procedure, comprensive di incongruenze e malfunzionamenti, rimangono le medesime. Su alcuni aspetti, anzi, il nuovo regolamento è addirittura peggiorativo”, evidenzia la CNA.

 

“Insomma, non ci rimane che auspicare – conclude – un miracolo dal futuro concessionario, quando verrà individuato, che stravolga il Sistri attuale e definisca un sistema di tracciabilità in grado di recepire le promesse di semplificazione che, oggi, possiamo solo leggere sulla carta”.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.