Slow Food Village, la cittadella del gusto a Viterbo

0

VITERBO – Laboratori del gusto con prodotti locali e di altre regioni. Degustazioni guidate di vini, birre e cibi dall’Italia. Show cooking a fine serata per concludere in bellezza. E poi ancora, novità assoluta, due scuole di cucina, una dedicata ai cibi tradizionali della Tuscia e l’altra al recupero degli avanzi. Tutto questo allo Slow Food Village di Viterbo, in programma in piazza del Sacrario dal 26 giugno al 5 luglio.

 

Da segnalare che il ricavato dalla partecipazione alle degustazioni guidate e alle scuole di cucina dello Slow Food Village sarà devoluto interamente per due progetti di sostenibilità alimentare. Con il primo – “Progetto 10mila orti in Africa” – si vogliono realizzare 10mila orti buoni, puliti e giusti nelle scuole e nei villaggi africani, per garantire alle comunità cibo fresco e sano, ma anche formare una rete di leader consapevoli del valore della propria terra e della propria cultura; protagonisti del cambi amento e del futuro di questo continente. Info: www.fondazioneslowfood.com.

 

Il secondo progetto, “We feed the planet”, è quello che Slow Food sta organizzando a Milano dal 2 al 6 ottobre. Migliaia di artigiani del cibo under 40 da tutto il mondo che si incontrano e discutono di cibo e agricoltura. Per permettere a questi giovani produttori di partecipare all’evento c’è bisogno dell’aiuto di tutti per garantire il viaggio dal loro paese in Italia. Ed è questo ciò che si propone lo Slow Food Village di Viterbo. Info: www.wefeedtheplanet.com.

 

Le occasioni per partecipare ai laboratori del gusto e alla scuola di cucina, del resto, non mancano. Si parte proprio venerdì 26 giugno con le lumache in cucina dell’azienda agricola Laura Luna (ore 19,30) e la “Tiella di Gaeta” (ore 20,45). Per quanto riguarda la scuola di cucina, invece, il primo appuntamento è “Acqua cotta e zuppe” con Giuliana Muleddu (agriristoro fratelli Pira, Ischia di Castro), mentre sabato 27 è la volta di Canepina (“Dai maccheroni agli stracci” con il ristornante “Il Calice e la Stella”). Tutti gli eventi si svolgeranno nell’area degustazioni: è richiesto un contributo di 5 o 15 euro (3 e 10 euro per i soci Slow Food).

 

Per maggiori informazioni: www.slowfoodvillage.it. Lo Slow Food Village è organizzato da Slow Food Viterbo in collaborazione con Slow Food Italia e Slow Food Lazio, in occasione di Expo 2015 e dell’Anno internazionale dei suoli indetto dalle Nazioni Unite. Il tema dello Slow Food Village per il 2015 è “La terra racconta, la terra unisce” e promuoverà temi e valori all’insegna del buono, pulito e giusto attraverso una kermesse rivolta a famiglie, produttori, enogastronomi, ristoratori, educatori e formatori, persone interessate al benessere alimentare e alla salute, ambientalisti, rappresentanti istituzionali, esponenti di associazioni datoriali, sindacali e culturali. Dal punto di vista architettonico, così come avvenuto lo scorso anno, sarà creato un villaggio ecogastronomico, in cui i visitatori potranno passeggiare e sostare prendendo parte agli oltre 150 appuntamenti in programma.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.