Montalto, continua le riqualificazione del territorio

0

 

MONTALTO DI CASTRO – Sono iniziati questa mattina i lavori di messa in sicurezza delle alberature nella zona del Palombaro, a Montalto Marina. Dopo il primo intervento che ha interessato in primavera le fasce arboree a Pescia Romana di competenza comunale e quindi la sistemazione integrale della Strada della Ramata, i lavori si sono spostati a Marina di Montalto.

«Abbiamo provveduto ad eliminare le situazioni di potenziale pericolo sulla viabilità pubblica di Pescia Romana – ha precisato il vicesindaco Benni -. Siamo comunque consapevoli che ci sono altri interventi da eseguire in quell’area, ma in questi casi le alberature ricadono su proprietà private e quindi le procedure da adottare sono differenti rispetto alle porzioni comunali. Inoltre per le specie caducifoglie il regolamento forestale prescrive il blocco degli interventi nel periodo estivo per cui i lavori potranno riprendere dopo il 15 ottobre. Confidiamo di restituire ai nostri ospiti una situazione di tranquillità e di ordine dei soprassuoli arborei e chiediamo un po’ di collaborazione da parte di quanti hanno già iniziato a frequentare il nostro lido. Vorrei precisare però che dopo tanti interventi in emergenza, queste potature rappresentano una soluzione organica del problema, del quale si è fatto carico l’ufficio urbanistica, coordinato dall’ing. Rossetti, e il nostro agronomo comunale dr. Girardi».

 

L’attuale intervento di stralcio avviato nella zona del Palombaro interessa via Tre Cancelli e Piazza Sapri, cioè le porzioni con presenza di pino domestico che convivono con le strutture residenziali dell’area.

 

I lavori previsti dovrebbero concludersi prima della metà di luglio e quindi spostarsi sulla zona interna dove l’assenza di abitazioni consentirà di operare anche con la presenza dei turisti. A fine mese tutta l’area dovrebbe pertanto tornare alla completa fruizione, anche grazie ad azioni dirette che saranno assunte direttamente dal Consorzio del Palombaro, coordinato dall’ing. Francesco Orsini.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.