Strada Montefiascone – Lago, continua l’assenza della Provincia

0

Pietro Brigliozzi

 

MONTEFIASCONE – L’estate è ormai iniziata, la gente inizia a recarsi al lago dove godersi un po’ di refrigerio ed la tempo stesso prendere quel pochino di sole che le condizioni metereologiche ci offrono senza rinunciare a qualche bagno.

 

In questo contesto, specialmente sul lato Montefiascone, tutti gli ammanti del lago, sia locali che non, devono, ogni giorno, percorrere i sei chilometri di strada che collega il paese alle rive del lago e qui nascono i veri problemi in quanto l’arteria, nel tratto di competenza dell’Amministrazione provinciale versa in pessime condizione per quanto riguarda la segnaletica orizzontale, anche se, la verticale, non è che sia migliore.

 

AI bordi della strada, sulla banchine, per tutto il percorso, l’erbaccia regna sovrana, impedendo una buona visibilità sulla parte interna delle diverse curve a gomito, nascondendo, in più punti, in modo più o meno accentuato, la presenza del guardrail e le spallette di muretti realizzati a protezione dei sottostanti attraversamenti dell’acqua piovana per cui avvicinarsi al bordo della strada, per qualunque evenienza, si rischia sempre di colpire l’uno o l’altro. I paletti catarifrangenti sono ormai una chimera per cui, specialmente di notte, è molto difficile, con le luci basse, discernere i limiti della sede stradale. Gli indicatori delle distanze chilometriche non esistono affatto, per cui in caso d’incidente, ed al fine, come richiesto anche dalle Assicurazioni, non si può stabilire il punto esatto della strada in cui esso è accaduto.

 

Le strisce bianche sono appena visibili in alcuni tratti laterali dell’intera sede stradale ma quella centrale che divide la due carreggiate non esiste affatto, in caso d’incidente, è difficile sapere che è nella giusta mezzeria.

 

Tutti possono ben comprendere che in queste condizioni non esiste buona sicurezza nel percorrere la strada, e gli automobilisti, specialmente quelli provenienti dalle città vicine come Terni, Perugia ad altri paesi, continuamente fanno presente questa situazione e lamentano l’abbandono di questa importante strada; non è escluso che, persistendo l’attuale degrado, prima o poi, le lamentele possano sfogare in una protesta dalle conseguenze imprevedibili, anche perché, questi problemi, da alcuni anni, più volte, sono stati portati alla ribalta e l’Amministrazione Provinciale di Viterbo, stando ai fatti, non ha mai preso i dovuti provvedimenti ridando, con essi, maggior sicurezza alla circolazione automobilistica sulla strada.

 

Il fatto assume contorni più pesanti in considerazione che le anomalie segnalate sono contrarie ai dettami dal codice della strada ed alcuni si domandano: ma in Provincia qualcuno lo legge il codice??!! E’ possibile che ogni volta che si percorre questa strada si deve rischiare e stare sempre in apprensione??!! Tutti si augurano, prima di passare a probabili altre forme di protesta, che, chi di dovere, intervenga quanto prima.

 

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.