Montefiascone, città delle sorprese

0

 

MONTEFIASCONE – A raccontarlo non ci si crede, eppure è vero. Martedì mattina, intorno alle nove e trenta, passando difronte ad un sito idoneo e riservato alle affissione murarie, uno strano manifesto ha attirato l’attenzione dei molti cittadini: spettacolo sospeso, si leggeva a caratteri cubitali sul medesimo. Ci si è addentrati nel resto del testo ed una realtà sconcertante si è memorizzata sulla mente di tutti provocando una lunga serie di negativi commenti.

Il manifesto si apriva con le scuse, che la locale compagnia teatrale Giorgio Zerbini del presidente Elia Santini; questa, pur non avendo a suo dire alcuna responsabilità, chiedeva scusa ai cittadini poiché lo spettacolo che intendeva offrire gratuitamente alla cittadinanza, su p.le Roma, nella serata del diciassette agosto, a Fiera(sagra) finita, non veniva più tenuto.

La stessa compagnia, nel resto del manifesto, spiega anche i suoi motivi e come è nato questo contrattempo che veramente lascia tutti perplessi e sconcertati considerando che le rimanenti serate di questo fine agosto, nella cittadina vulsinea, ripiombano nella noia; la compagnia Giorgio Zerbini, diverse settimane indietro, concorde l’assessore alla cultura, aveva provveduto ad esplicare tutte le pratiche per realizzare il suddetto spettacolo mercoledì, diciassette agosto; appena qualche giorno fa però, a quanto sembra, l’assessore ha di fatto cambiato parere dando comunicazione che lo spettacolo era da annullarsi.

La compagnia Giorgio Zerbini, chiaramente senza alcuna colpa, comunque per correttezza, con il manifesto ha voluto chiedere ugualmente scusa alla popolazione.

Le lamentele sono tante specialmente due in primo piano: il doppio comportamento dell’assessore e il fatto che, non si sa bene per quali gravi motivi, si sia privata la cittadinanza ed i molti turisti presenti in essa di uno spettacolo di alta qualità.

Presidente Elia, il suo pensiero…
“Beh! ho parlato con l’assessore e debbo dire che spiegazioni esaurienti e sufficienti non ne ho ancora trovate e molto meno capite. L’assessore ha affermato che mancano circa cento cinquanta euro per le spese vive; ma questo avrebbe dovuto saperlo anche quando ci sono stati fatti spendere i soldi per fare le dovute pratiche burocratiche e quanto è servito per pubblicizzare l’evento”.

Tutto rimandato?! Tutto sospeso?! Finita la storia?
“Un pochino di calma, ora; innanzitutto pensiamo di chiedere il risarcimento spese, poi non intendiamo assolutamente partecipare alla rassegna di cui ci ha parlato e che si dovrebbe tenere presso il salone della Villa Card. Salotti in settembre. Come è noto a tutti, e come è stato riportato anche dalla stampa locale, i locali della Villa sono stati dati per i prossimi trent’anni ad una multinazionale che ora ha già iniziato i lavori di totale ristrutturazione per cui noi montefiasconesi ne dobbiamo fare a meno, ed a settembre prossimo non vi si svolgerà nessuna attività, visto che il cantiere in atto, non sarà chiuso prima di tre anni; altro che rassegna teatrale”.

L’assessore è stato vittima di cattive informazioni?
“Credo proprio di sì; ma in una realtà di questo genere queste cose non possono e non devono sfuggire a chi amministra un cittadina come Montefiascone”.

Pietro Brigliozzi

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.