Montefiascone, Festa Contadina sotto la pioggia

0

 

MONTEFIASCONE – La tradizionale e rinomata Festa Contadina che ogni anno si celebra nella frazione Fiordini, organizzata dalla locale Onlus della sempre dinamica ed attiva Ornella Zaccani con tutto il suo staff, nell’agro della città di Montefiascone, si è celebrata anche quest’anno ma sotto la pioggia.

Gli organizzatori non si sono arresi di fronte alle avverse condizioni atmosferiche e comunque, hanno voluto realizzare la festa; una festa che porta nella piccola frazione innumerevoli persone, in quanto, una delle caratteristiche della festa, è la sfilata dei vestiti di abiti da sposa appartenenti ai vari stili degli ultimi cinquant’anni.

Vestiti recuperati presso ricercate con costanza tra le famiglie che le conservano ancora con tanta cura; vengono indossati da coppie di giovani intorno ai venti anni che sfilano sul piazzale nei pressi della locale chiesetta richiamando una forte presenza di pubblico. Accanto ai ricordi vi è stato anche un evento vero; il sessantesimo di matrimonio dei coniugi Cesarini ai quali, insieme ai fervidi auguri, da una delle indossatrici, è stato donato un mazzo di fiori seguito da un caloroso applauso di tutta la piazza. Nel pomeriggio di ieri, presenti anche il sindaco M. Paolini ed il su vice, L. Celeste, la sfilata è stata effettuata sotto una leggere pioggerellina, dopo che sabato sera, come da programma, era stata rimandata per il forte temporale che, tra le diciotto e le venti, si è scatenato sulla città vulsinea.

Accanto a questo evento che, sicuramente, risulta un unicum nel suo genere, la festa consta anche di una mostra di attrezzi agricoli, alcuni dei quali ormai appartenenti ad una storia passata; si possono vedere tanti accessori per il bestiame come i campanacci che si applicavano al collo dei buoi nel periodo della transumanza, e le cosi dette frocette che si applicavano sempre ai buoi durante la lavorazione dei campi. Vi sono poi diversi stand ove si possono ammirare i lavori di filatura ed uncinetto che le donne effettuavano durante le baloccate con le loro comari intorno al fuoco nelle tetre giornate piovose periodo invernale.

Il pranzo sociale, ovviamente non può mancare, che viene offerto a tutti gli addetti ai lavori ed ai padroni dei mezzi portati sul posto, in mostra sul grande piazzale antistante la chiesetta, di contro però è mancata la buona ricotta che il sig. Luigi Ferri, meglio conosciuto come Baiocchella, faceva in un apposito angolo del piazzale in concomitanza alla colazione, ricotta che poi la distribuiva a tutti per aggiungerla al latte, al caffè o ai vari tipi di biscotti, fatti dalle signore della frazione, che non mancavano mai.

Pietro Brigliozzi

DSC_5863

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.