Montefiascone-Sannat: due paesi, un cuore e una cultura

0

 

MONTEFIASCONE – L’incontro tra l’assessore alla cultura e alle politiche europee del comune di Montefiascone Fabio Notazio, assieme a una delegazione di cittadini e Philip Vella, sindaco della località maltese di Sannat, situata nella regione di Gozo, sancisce la nascita del gemellaggio tra le due comunità.

Si tratta di un’unione tra due realtà che hanno molto in comune: un’economia dove l’agricoltura svolge un ruolo importante e in cui olio e vino rappresentano delle reciproche eccellenze, i sapori naturali e intensi della cucina mediterranea e una Storia simile, in cui le grandi civiltà del Mediterraneo hanno lasciato una preziosissima eredità culturale. Ma ad aver fatto scoccare la scintilla è stato l’amore reciproco per Santa Margherita, in tutti e due i casi patrona cittadina, che presso entrambe le comunità viene festeggiata il 20 luglio. “Questo gemellaggio deve essere un rapporto vivo – spiega il sindaco maltese – le persone delle nostre cittadine devono sviluppare rapporti reciproci a partire dalle singole persone. Se il nome di Montefiascone cresce, lo fa anche quello di Sannat, perché da ora in poi siamo una cosa sola”.

Esistono concrete possibilità di sviluppo economico, basate sul rilancio dei prodotti tipici nei reciproci mercati, sfruttando la possibilità di accedere a dei fondi europei dedicati. Le opportunità di crescita culturale sono state tra quelle che hanno più stimolato l’assessore alla cultura di Montefiascone: lingua ufficiale di Malta è l’Inglese e mai come ora non si può prescindere dalla sua conoscenza. Dal giugno 2017 gli studenti di Montefiascone potranno acquisire dei certificati linguistici di lingua inglese riconosciuti a livello internazionale, mentre i loro omologhi maltesi potranno acquisirne uno per l’italiano, che, si ricorda, è la quarta lingua più studiata al mondo. “Ora i cittadini di Sannat possono dirsi cittadini di Montefiascone e noi possiamo dirci cittadini di Sannat- conclude Notazio – e finalmente la nostra bandiera tricolore, assieme a quella dell’Europa, potrà tornare a sveltolare a Piazza Vittorio Emanuele”.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.