Montefiascone, sconfitta e nervi tesi con l’Atletico Vescovio

0

Pietro Brigliozzi

 

MONTEFIASCONE – La gara nel torneo di Eccellenza, tredicesima giornata del girone di ritorno, tra il Montefiascone ed l’Atletico Vescovio, disputata sullo stadio delle Fontanelle dal fondo in buono stato, in una mattinata di sole, con un leggero vento di tramontana, alla presenza di oltre cento spettatori, si è conclusa con una ulteriore sconfitta per la formazione locale. Sconfitta condizionata da un arbitraggio a senso unico e condotto in modo veramente vergognoso, ma andiamo a quanto è successo in campo.

 

Dopo attenta visione dei filmati, abbiamo avuto conferma di quanto già visto in campo, che il direttore di gara, sig. Caciotti, ha negato ben due calci di rigore certi ed uno dubbio, alla squadra locale creando un forte nervosismo sia negli atleti in campo, sia nel tecnico in panchina, sia tra gli spettatori sugli spalti che spesso lo hanno fortemente contestato.

 

Possiamo definirlo, quello del sig Caciotti, un arbitraggio abbastanza impreciso ed in modo poco consono al regolamento che, oltre il nervosismo, ha prodotto sentite contestazioni sfociate in ammonizioni e poi nell’espulsione del tecnico locale Del Canuto e degli atleti Sasso e Zagarella.

 

Al di la dei due/tre rigori negati, il direttore di gara, Caciotti, ha commisurato molte ammonizioni alcune delle quali giuste altre completamente dubbie specialmente tra le fila della formazione locale. Questo comportamento in campo, il Caciotti, lo accentuato anche nel dopo partita, nell’atrio degli spogliatoi quando; prima ha negato di dare la mano all’atleta De Grossi riserva della formazione locale e molto più, poco dopo, quando ha accettato il plauso sulla porta del suo spogliatoio, allorché, un dirigente dell’Atletico Vescovio ha aperto la porta dello spogliatoio arbitri e con la mano destra alzata ed il pollice in alto, ha salutato il sig. Caciotti come a dire “tutto ok”. Su questi due atteggiamenti del sig. Caciotti necessità che qualcuno ci rifletta.

 

Andiamo alla gara; dopo che queste precisazioni, ad onor di cronaca, era doveroso farle.

 

Le due formazioni sono scese in campo con la volontà di far propri i tre punti con la formazione locale più necessitante dell’intera posta in palio, per cui, i primi venti minuti sono scorsi via su un piano di sostanziale equilibrio tra le due formazioni. Il direttore di gara, tuttavia, si è messo subito in luce, al quarantesimo secondo ha subito ammonito il locale Bellacima poiché aveva allontanata la palla di qualche metro dal punto di fallo dopo il fischio della relativa punizione. Il gioco scorreva via abbastanza corretto e piacevole anche se diverse smagliatura si verificano nelle due formazioni in campo, con la formazione locale più incisiva e presente nell’area dell’estremo difensore Rossi A.. Al trentacinquesimo del primo tempo, Moronti, veniva atterrato in area in chiara posizione da rete, Caciotti sorvolava negando così il rigore ai locali e suscitando malcontento sia in campo che tra gli spettatori; al quindicesimo del secondo tempo si ripeteva lo stesso fallo in area sull’attaccante Bruno ma Caciotti, pur essendo in buona posizione visiva, faceva proseguire negando così altro rigore ai locali facendo aumentare la contestazione degli atleti in campo e lo sdegno degli spettatori sugli spalti.

 

Quì scattava la forte reazione, e, forse, anche legittima, dei giocatori e del tecnico Del Canuto, il quale veniva espulso. La gara andava avanti ma, Caciotti, ormai non teneva più la gara in mano e comminava diverse ammonizioni più o meno giuste che, comunque finivano con una serie di espulsioni tra la formazione locale; la prima di Sasso, intorno al trentesimo del secondo tempo, poi, intorno al quarantesimo, quella di Zagarella.

 

Per concludere: una gara viziata da un arbitraggio molto discutibile al limite del regolamento, tre punti perduti, ingiustamente, dal Montefiascone che, ancora una volta, esce penalizzato da una gara, tutto sommato anche se non condotta al meglio, comunque, giocata dignitosamente, una vittoria regalata al Vescovio. Non tutto è perduto ma, avvicinandosi alla fine del campionato e facendo un’analisi, a mente fredda, dobbiamo constatare che diverse partite il Montefiascone, pur giocando un buon calcio, ha perduto per arbitraggi, apparsi criticamente non del tutto lineari.

 

0 Montefiascone: Bellacanzone; Ciatoni, Balletti; Bellacima, Sasso, Finocchi; Luzzitelli, D’Alessio Mar., Moronti, Zagarella, Bruno. All. Del Canuto. A disp.: Tranchini, Rubeca, D’Alessio Mat., De Grossi, Buratti, Cannavacciolo, Ciobanu.

 

1 Atletico Vescovio: Rossi A.; Scorta, Valeri; Masi, Dalla Palma, Basciani; Frasca, Zoppis, Amici, Bornigia, Innocenti. All. Salaris. A disp.: Capasso, Maestrelli, De Cagna, Di Marco, Lorenzini, Privitera, Rosati.

 

Arbitro: Caciotti di Alb.Laz.; Ass.ti Iacopino e Duca di Ciampino.

 

Reti: 22° st Amici(AV)

 

Note: Espulsi Del Canuto, Sasso e Zagarella per somma di ammonizioni.

 

 

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.