A Montefiascone un incontro sul rilancio del turismo

0

 

MONTEFIASCONE – L’incontro con tutti gli operatori che hanno a che fare con il turismo in Montefiascone, è riuscito solo parzialmente; il grande sforzo, fatto dal consigliere Angelo Merlo, pur essendo stato estremamente interessante, tuttavia non ha avuto quella risposta che tutti ci si aspettava.

Le varie categorie, commercianti, operatori turistici, agenzie di viaggi, nonostante l’invito loro inviato, sono state assenti, questo, comunque, non ha inficiato la piena riuscita dell’incontro. I presenti hanno espresso le loro idee e dato il loro contributo, al fine di rilanciare il turismo a Montefiascone visto che, esso, in questi ultimi anni, è stato ridotto al lumicino.

Il punto centrale dell’incontro riguardava l’istituzione del Corpo delle Guide Turistiche, valorizzando i ragazzi locali laureati presso le facoltà di Beni Culturali sia presso l’Università della Tuscia che di altre; guide da mettere a disposizione di chi verrà nel prossimo futuro a visitare Montefiascone; realtà questa alla quale, fino ad ora, nessuno addetto politico al settore, aveva prestato attenzione ne si era curato di organizzare. Questa grave lacuna è stata così colmata e si è fatto un primo passo, ha affermato Merlo nel suo intervento.

In un secondo punto, legato a questo, si è parlato della realizzazione di una guida semplice ma altamente completa della città, redatta in più lingue che sia facilmente comprensibile sia dai visitatori italiani che da quelli provenienti dai vari paesi europei. In questo contesto, poi, tutti si sono trovati d’accordo di far pervenire detta guida a tutti i tour operatur sia a livello nazionale che europeo, proponendo, vendendo le bellezze artistiche, i monumenti storici, il bagaglio culturale, le peculiarità che Montefiascone ha.

Un terzo punto, molto importante, sul quale si è parlato molto ha riguardato la trasformazione del fenomeno turismo in una struttura economico-industriale che deve portare ricchezza alla città; turismo non deve significare più singoli gruppi isolati ed autonomi che girano, o meglio vagano per la città, ma deve diventare un industria vera e propria e questa radicale trasformazione comporta tutta una serie di problemi, che vanno dal dare maggiore visibilità alla città, mettere in piedi una migliore accoglienza dei visitatori, sviluppando le attuali strutture recettive e creandone delle nuove nel momento in cui si verificherà la necessità, realizzando maggior pulizia della città, porre più attenzione al decoro della stessa, prestare maggior ordine delle infrastrutture viarie e informative delle medesima, curare la trasformazione del settore ristorazione con una maggiore valorizzazione dei prodotti locali e dei piatti tipici, dare maggior visibilità della città anche ponendo un apposita cartellonistica sulle maggiori arterie autostradali limitrofe, come l’Autostrada del Sole e l’Aurelia.

Altro tema di rilievo trattato è stata la sottolineatura che, il problema turismo con tutti i suoi risvolti, deve essere curato dagli addetti al settore; la gestione e la programmazione turistica non si può affidare ad una persona qualsiasi o ad organizzazioni periodiche o occasionali. E’ necessario, in questo contesto, creare una perfetta sinergia tra cultura, storia, arte e ristorazione, ed in questo senso, il consigliere Merlo, si è dimostrato sensibile e disposto a sensibilizzare tutti gli operatori del settore, al di la di ogni aspetto politico, per arrivare a costituire una nuova vera e specifica struttura di tutti i soggetti che intendono contribuire allo sviluppo del turismo in Montefiascone. In questo contesto si è parlato anche di organizzare convegni sul problema turismo presso i saloni della Rocca al fine di raccogliere i suggerimenti di tutti, divulgare nuove idee, far recepire il nuovo concetto di turismo e le nuove istanze necessarie per, riportare prima e far crescere poi, il turismo nella città. E’ volontà del consigliere Merlo di fare altri incontri proprio per sensibilizzare tutti, ascoltare i suggerimenti di tutti, avviare la nuova stagione nel miglior modo possibile, favorendo l’interesse di tutti, fecendo, così, uscire Montefiascone dal suo attuale isolamento. Montefiascone deve ridiventare il centro logistico-operativo di tutto il turismo dell’Alto Lazio questo è il fine ultimo che Merlo intende raggiungere.

Un accenno è stato posto anche sull’innesto di Montefiascone nella struttura geografica dell’Alta Tuscia con al centro la realtà del lago, da valorizza ancora di più e nel quale, per lo sviluppo turistico, è necessario, tra le altre infrastrutture come la definizione e sistemazione della strada fino al confine con Marta, piste ciclabili, pedonali, parcheggi, chioschi di ristorazione spicciola, realizzare quel porto del quale se ne parla da anni e che, però, non è stato ancora fatto nulla. La situazione del tratto di lago di competenza del comune di Montefiascone era valida cinquat’anni fa, ma non più ora.

Pietro Brigliozzi

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.