“Al Comune di Monte Romano la Tenuta di Roccarespampani”

0

MONTE ROMANO – “Situazione risolta. Approvato dalla Giunta regionale il contratto con cui la Regione Lazio affida in concessione al Comune di Monte Romano la Tenuta di Roccarespampani”. A dichiararlo è Riccardo Valentini, consigliere regionale del Pd e vice presidente della Commissione agricoltura della Regione Lazio.

 

La Tenuta, che conta più di 2.400 ettari di terreno, consiste in un complesso di beni rustici, immobili e manufatti necessari per la conduzione agricola e per la salvaguardia e il benessere delle specie animali presenti.

 

“Una concessione – prosegue Valentini – che da un lato permetterà di garantire la vocazione agricola originaria e il patrimonio che essa rappresenta per tutta la comunità, dall’altra di tutelare i posti di lavoro. Due priorità fondamentali per la Regione. Un punto di riferimento per tutto il territorio. Una scelta – conclude Riccardo Valentini – per cui battersi”.

 

__________________________________________________________________________________________

 

“La tenuta di Roccarespampani concessa in gestione a canone agevolato al Comune di Monte Romano: è quanto prevede una delibera della Giunta regionale, appena approvata, che arriva a conclusione di un percorso lungo e virtuoso che ha dovuto affrontare diverse problematiche di ordine procedurale e normativo. Si tratta di un bene esteso per quasi 2mila e 700 ettari, con una forte vocazione agricola, che ora passa nella piena disponibilità dei cittadini. Un esempio di valorizzazione del patrimonio che può essere replicato anche in situazioni analoghe, frutto di un lavoro di concertazione tra diversi enti (Regione, Comune, Consiglio autonomie locali).

 

Rimangono fuori dalla concessione il Palazzo ed altri beni rustici immobili che risultano non strumentali allo svolgimento dell’attività agricola. In particolare il Palazzo rientra, in seguito all’analisi preliminare del patrimonio regionale effettuata dal tavolo Regione Lazio – Agenzia del Demanio nel 2014, nel cosiddetto Gruppo 5 relativo a 9 compendi del valore d’inventario di circa 275 milioni definiti “Progetti Speciali”.

 

Tra quelli di particolare interesse storico-artistico rientrano, nel viterbese, oltre Roccarespampani anche Palazzo Doria Pamphilj a San Martino al Cimino e Palazzo Calabresi a Viterbo. Su di essi c’è da tempo di concerto con l’assessore Sartore tutta l’attenzione per la loro valorizzazione, iniziando un percorso al fine di produrre le finalità della delibera del 2014 anche attraverso bandi di “manifestazione di interesse”, capaci di selezionare proposte a tutela dei nostri territori.

 

Ringrazio l’Assessore al Bilancio Alessandra Sartore, che sin da subito ha capito l’importanza e il legame di Roccarespampani al territorio; infatti circa un anno e mezzo fa avevamo visitato insieme la tenuta e, dopo tanti passaggi e valutazioni di esigenze territoriali, arriva questo atto, a dimostrazione ulteriore del suo ottimo lavoro”.

 

Enrico Panunzi
Presidente Sesta Commissione consiliare Regione Lazio

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.