L’associazione culturale “Facciamo per Cambiare” torna all’Istituto Fabio Besta di Orte

0

 

ORTE – Dopo l’avvicendamento della dirigenza torna di nuovo al “Fabio Besta” di Orte l’associazione culturale “Facciamo per Cambiare”.

 

In vista del periodo estivo, che porta i giovani ad utilizzare molto più frequentemente la strada ed i mezzi di trasporto, l’associazione prosegue il percorso virtuoso iniziato quasi tre anni fa sviluppando un convegno di indiscusso spessore con un alto livello tanto da ricevere i patrocini dell’Asl di Viterbo, della World Road Association e dell’ANAS.

 

Infatti, un nuovo appuntamento organizzato dall’associazione ortana “Facciamo per Cambiare” che, per il secondo anno consecutivo presenta all’Istituto Scolastico “Fabio Besta” di Orte, un incontro con gli studenti sul tema della sicurezza stradale.

 

Titolo dell’incontro “Di strada ce n’è ancora da fare”, dove i molti relatori si sono succeduti sul palco presentando agli studenti presenti (circa 200), gli aspetti salienti del tema in oggetto e approfondendo soprattutto le cause di incidenti stradali e la prevenzione delle stesse.

 

Durato quasi due ore gli onori sono stati fatti dalla neo presidente Simona Bellagamba e moderato dalla sua vice Gaetana Moriano, cui è seguito l’intervento del Dott. Leonardo Annese responsabile del progetto per conto dell’Associazione Mondiale della Strada – AIPCR.

 

Di particolare rilievo gli interventi dell’Asl di Viterbo, nelle persone della dott.ssa Felicetta BELLITTO e dott.ssa Oretta MICALI. La prima ha tenuto viva l’attenzione dei ragazzi illustrando in modo preciso e senza tecnicismi le dinamiche dell’alterazione sensoriale sotto l’effetto di droghe e alcool; la seconda ha focalizzato il suo intervento su dati per rappresentare l’ampiezza del problema, concludendo con la presentazione di una App per lo smartphone di ausilio nella valutazione delle condizioni soggettive.

 

È stata quindi la volta del Vice Questore Aggiunto della Polizia Stradale di Viterbo, Dr. Gian Luca PORRONI, il quale ha illustrato i rischi giuridici di una condotta contraria alle norme sulla sicurezza stradale poi ripresi dal Sovrintendente VACCA che ha spiegato l’inasprimento delle pene dovute all’introduzione del c.d. reato di omicidio stradale.

 

Oltre i due interventi molto ascoltato quello incisivo del Sovrintendente SALTA che è parso permeante la “corteccia dei ragazzi” presenti.

 

Si è giunti alla conclusione dei lavori con la presentazione di un concorso indetto da ANAS e AIPCR cui possono partecipare i ragazzi dell’istituto fino al 30 luglio p.v. che ha, come premio per i vincitori una piccola borsa e i cui dettagli sono disponibili sul sito dell’AIPCR.

 

“Attraverso queste colonne, ringraziamo tutte le personalità presenti e gli Enti patrocinanti che hanno collaborato alla riuscita dell’evento. Ringraziamo inoltre, il corpo docenti: la loro professionalità mostra quanto siano attente e profuse le attenzioni alla formazione dei ragazzi” afferma Azzurra Fagiolo segretario dell’associazione.

 

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.