Affidamento del servizio di distribuzione di gas naturale, incontro tra i sindaci della provincia

0

VITERBO – Affidamento del servizio di distribuzione di gas naturale sul territorio provinciale, lo scorso venerdi un primo incontro a Palazzo dei Priori, convocato dall’assessore Alvaro Ricci. Ad avviare il tavolo di lavoro insieme all’assessore agli impianti tecnologici del Comune di Viterbo, sindaci e tecnici dei comuni facenti parte dell’ATEM Viterbo (ambiti territoriali minimi).

 

“Con il cosiddetto decreto Letta – ha spiegato Alvaro Ricci – il legislatore italiano ha avviato un processo di adeguamento ai principi dell’ordinamento europeo del mercato interno nel settore del gas, conformandosi alle direttive comunitarie attuative dei principi di libertà di impresa e di apertura alla concorrenza. È stato inoltre stabilito che l’attività di distribuzione del gas naturale, in quanto servizio pubblico, debba essere affidata esclusivamente mediante gara d’appalto, per una durata non superiore a 12 anni. Gli importanti compiti di indirizzo, vigilanza, programmazione e controllo sulle attività di distribuzione sono stati attribuiti agli enti locali, titolari del servizio, con l’intento di favorire l’esercizio in forma aggregata del servizio pubblico della distribuzione del gas naturale. In base alla vigente normativa – ha proseguito l’assessore Ricci – sussiste l’obbligo di procedere alle gare per la concessione del servizio su base d’ambito territoriale minimo. È quindi opportuno procedere quanto prima alle iniziative necessarie per avviare la procedura a evidenza pubblica per l’affidamento del servizio per un valore di circa 170 milioni di euro. L’incontro di venerdì scorso è servito per capire e stabilire i prossimi passi da compiere. Viterbo, comune capoluogo, sarà il comune capofila e figurerà come stazione appaltante di un’unica gara. Tutti gli altri comuni hanno preso l’impegno di sottoscrivere una specifica delibera con cui viene delegato al Comune di Viterbo il ruolo di stazione appaltante”.

 

Nell’ambito di questa prima riunione si è concordato inoltre, a esclusivo scopo organizzativo e funzionale, di avviare le attività propedeutiche alla pubblicazione del bando di gara sulla base di aree omogenee dell’ambito, corrispondenti alle aree dei distretti sanitari. Ovvero sub-ambito Montefiascone, sub-ambito Tarquinia, sub-ambito Viterbo, sub-ambito Vetralla e sub-ambito Civita Castellana. Si è poi individuato nei comuni, sede di distretto, i referenti per il coordinamento delle aree omogenee di riferimento. “Ritengo che questa operazione – ha aggiunto l’assessore Ricci – sia una grande occasione di sviluppo per i comuni. Gli stessi infatti, cedendo le reti di distribuzione di gas naturale di cui sono proprietari, ne trarranno indubbiamente vantaggi economici. Non ultimo, l’implementazione della rete di distribuzione porterà a nuovi posti di lavoro. Lavoremo tutti affinché le procedure burocratiche siano rapide e si arrivi il prima possibile alla pubblicazione della gara”.

 

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.