Baratto amministrativo, Viterbo è pronta

0

Massimiliano Chindemi

 

VITERBO – Fornire un aiuto a chi, in buona fede, non riesce a pagare le imposte comunali. Questa la proposta lanciata dai consiglieri comunali Gianluca De Dominicis (M5S) e Gianmaria Santucci (FondAzione), con il supporto dell’associazione Viterbo Civica.

 

Bypassando il mortale immobilismo caratterizzante i lavori del Consiglio comunale, i due consiglieri, appellandosi alla possibilità di presentare delibere effettive ed efficaci, proporranno infatti un emendamento al regolamento della Iuc, che consentirà ai morosi (quelli realmente impossibilitati a pagare), di svolgere lavori specifici individuati dal Comune per ottemperare ai propri doveri: il così detto baratto amministrativo.

 

“Con un modulo di 8 ore – spiega il consigliere Santucci – si potrebbe ad esempio beneficiare di 60 euro. Ovviamente, il tutto andrà studiato con estrema attenzione, in modo da poter mettere in piedi un progetto preciso e concreto, non certo campato in aria.

 

La realizzazione di tale progetto – prosegue Santucci -, oltre a far rientrare nelle casse del comune del denaro altrimenti perso, consentirà a questi cittadini di svolgere dei lavori utili per la città, come tagliare l’erba, tappare una buca, o rimettere a posto Prato Giardino, restituendo nel contempo a queste persone un po’ di dignità. Al momento il tetto previsto per l’aiuto economico è costituito da 780 euro per nucleo familiare, ma sulle modalità e le fasce di reddito da privilegiare dovremo adeguatamente discutere con i colleghi in Commissione”.

 

Un’iniziativa decisamente apprezzabile, non c’è che dire, che potrebbe vedere la luce nel giro di pochi mesi. “Se tutto andrà per il verso giusto – auspica Santucci – ritengo che le dovute risorse potrebbero essere inserite già nell’assestamento di novembre; in tal modo si consentirebbe dare il via al progetto a partire dal 1° primo gennaio 2016”.

 

Il consigliere De Dominicis punta invece la propria attenzione sui dettagli di natura tecnico-operativa: “Questa iniziativa, che grazie alla collaborazione di Viterbo Civica abbiamo fatto sottoscrivere a 23 consiglieri comunali, è l’esempio lampante di come diverse realtà, politiche e non, possano condividere progetti validi e socialmente rilevanti. Al momento, non sappiamo se i fondi che il Comune dovrà mettere a disposizione potranno garantire un’adeguata copertura; certo è che se le risorse non dovessero bastare per tutti, ad essere privilegiate saranno le classi meno abbienti. Spero pertanto che nella riunione prevista in Commissione per martedì mattina, si possa già dare un’accelerata ad un progetto che, tra le altre cose, consentirebbe di abbattere i costi dell’accertamento della morosità”.

 

“Il baratto amministrativo è una pratica già ben diffusa in tutta Italia – afferma Lucio Matteucci di Viterbo Civica -, che sta iniziando a prendere piede anche qui nella Tuscia. Vitorchiano e Montefiascone, in questo senso, sono avanti a tutti. E’ ora pertanto che anche Viterbo intraprenda questo cammino, dando una svolta al rapporto tra cittadini e amministrazione”.

 

Emendamento al Regolamento per la disciplina imposta unica comunale IUC

 

IMG_0225

 

IMG_0223

 

Lucio Matteucci di Viterbo Civica

Lucio Matteucci di Viterbo Civica

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.