“Coerenza, questa sconosciuta…”

0

VITERBO – “Il Movimento 5 Stelle ha presentato poco tempo fa una richiesta di verifica del rispetto delle presenze dei consiglieri comunali come previsto dall’articolo 22 del Regolamento del funzionamento del consiglio comunale e dall’articolo 11 comma 4 dello Statuto.

 

Riteniamo infatti, che presenziare ai lavori del consiglio e delle commissioni sia un imprescindibile dovere di ogni eletto dettato dalla necessità di rispettare sia i propri elettori sia tutti gli altri cittadini; attendiamo quindi che la presidenza del consiglio dia seguito alla nostra richiesta per verificare situazioni pregresse di eventuali inadempienze.

 

Questa regola, deve valere per ogni singolo consigliere sia di maggioranza che di minoranza e poco importa se eventuali assenze possono agevolare o meno le tattiche di questa o quella parte politica. Siamo ben lungi dal voler riproporre le logiche stantie dei vecchi partiti perché per quanto ci riguarda, a noi interessa solo ed esclusivamente che il consiglio comunale, la giunta e l’amministrazione tutta lavorino per il bene della città. Siamo stati eletti per questo.

 

Purtroppo sembra che non tutti abbiano ben presente la responsabilità del proprio mandato e alcune posizioni emerse negli ultimi giorni ci sembrano più mirate a rifarsi una nuova “verginità politica” piuttosto che ad una vera critica nei confronti della maggioranza.

 

Siamo lontani dal voler difendere tale posizione, visto che è per noi la causa prima del fallimento di questa amministrazione, ma ci sembra troppo facile l’attacco nei confronti di Michelini da parte di personaggi della maggioranza che hanno contribuito sino ad ora, o almeno avrebbero dovuto farlo, ad amministrare la città, quasi a voler scaricare solo sul primo cittadino la responsabilità di ogni fallimento; comodo addossare solo al sindaco tutte le incapacità dimostrate in questi anni.

 

Non crediamo più, cosi come non ci credono più i viterbesi, a questi atteggiamenti, volti, a nostro parere, solo a scaricare la responsabilità lontana da coloro che votando i bilanci e non firmando una mozione di sfiducia da tempo da noi proposta continuano di fatto a mantenere in vita questa amministrazione.

 

Se si pensa che questa giunta non dia prospettive alla città si decida di interrompere lo stillicidio e si permetta a forze nuove, motivate, coese e veramente con idee di sviluppo e di progettazione di proporsi per la guida di Viterbo.

 

La città ed i cittadini lo chiedono ormai da tempo e proseguire a strillare contro la propria stessa maggioranza dimostra solo, a nostro avviso, come per alcuni il proprio tornaconto politico abbia la priorità sui diritti dei viterbesi!”

 

Movimento 5 stelle Viterbo

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.