Nuovo disciplinare cinghiali, Scarito (Atc 2 Tuscia sud): “Regolamento importante”

0

 

VITERBO – “Dopo aver partecipato a tutte le riunioni organizzate dall’assessore regionale alla Caccia Carlo Hausmann con i presidenti degli Ambiti territoriali di Caccia, le associazioni venatorie e ambientaliste, le asl territoriali, i capisquadra per la caccia al cinghiale, esprimo soddisfazione per i risultati raggiunti e per l’imminente entrata in vigore del nuovo disciplinare.

Il fenomeno della sovrappopolazione della specie cinghiale è riconosciuto ormai come un problema nazionale. Per questo motivo accolgo con favore l’imminente entrata in vigore del nuovo disciplinare. Debbo dare atto alla Regione Lazio e in particolare all’assessore Hausmann di aver mantenuto gli impegni assunti con le associazioni venatorie e con gli organi di gestione della caccia subito dopo che sono decaduti i precedenti regolamenti provinciali. Un ringraziamento particolare anche al consigliere regionale Enrico Panunzi per il costante impegno dimostrato partecipando fattivamente a tutte le riunioni sul territorio. Come Atc Vt 2 Tuscia sud abbiamo dato il nostro contributo alla redazione del nuovo disciplinare proponendo alcune importanti osservazioni alla bozza preliminare del documento. Mi preme informare che tutte le richieste sono state avanzate in modo unitario dopo averle concordate anche con l’Atc Vt 1.

Questo importante regolamento aveva bisogno di essere condiviso da tutte le realtà associative e istituzionali che, ognuno per la propria competenza, interagiscono nel sistema e nella pratica della caccia al cinghiale. Da parte nostra, per ottenere questo risultato, abbiamo avviato un lavoro in rete per consultare tutte le associazioni venatorie, i capi distretto e le associazioni di categoria. E’ bene sottolineare che se questo nuovo disciplinare non veniva approvato celermente gli oltre 4mila cacciatori della provincia di Viterbo rischiavano di non poter andare a caccia nella prossima stagione venatoria.

Dico questo perché questo rischio si è verificato per l’esplicita richiesta di alcune associazioni romane che chiedevano di rinviare di un anno l’approvazione del nuovo disciplinare. Per garantire un corretto equilibrio territoriale il nuovo disciplinare prevede la possibilità di accogliere una percentuale di cacciatori provenienti dalle zone dove risulta molto basso il rapporto estensione delle zone e cacciatori. Esprimiamo inoltre soddisfazione per la volontà espressa dall’assessore Hausmann di affidare con apposita convenzione alla polizia provinciale l’attività di vigilanza e controllo del rispetto del nuovo disciplinare.

Il nuovo disciplinare è già stato recapitato in copia a tutti i partecipanti delle attività di consultazione. Nei prossimi giorni è prevista la pubblicazione sul Burl”.

Alberto Scarnito
Presidente Atc 2 Tuscia sud

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.