“Experience Etruria, una gran bella occasione per una gita fuori porta”

0

VITERBO – “L’intitolazione di un’aula nel “santuario del Parlamento europeo” allo statista italiano Aldo Moro, non può che generare orgoglio e piacere in tutti gli italiani che ricordano la sua celebre azione politica svolta e concretizzata nella crescita e nel benessere di tutta la Nazione, drammaticamente interrotta dall’efferato omicidio firmato dalla brigate rosse (o forse da altri ignoti autori, in attesa del responso definitivo della commissione presieduta dall’on. Fioroni che ne sta studiando lo storico caso ).

 

L’orgoglio italiano è stato ben rappresentato da una gremita delegazione viterbese, giunta a Bruxelles per la presentazione di “Experience Etruria”, quale eccelsa opportunità riservata ai tanti personaggi politici che, approfittando di tale evento memorabile, si sono concessi una meritata pausa dal faticoso lavoro svolto in seno al consiglio comunale di Viterbo.

 

Ci fa piacere citarli uno per uno, questi nostri politici e amministratori stacanovisti che, dichiarandosi degni di presiedere al magnifico appuntamento europeo, hanno voluto vivere appieno le emozioni di un bel viaggetto spesato, come, del resto, è consuetudine fare per tutti gli eventi di questo tipo: in testa, il sindaco di Viterbo Michelini, a seguire l’assessora Lisetta Ciambella, il parlamentare Pd Giuseppe Fioroni, il presidente del consiglio comunale di Viterbo Ciorba, i consiglieri comunali Bizzarri, Tofani, Simoni, Boco, Scorsi, Fabbrini, l’assessore Ricci e altri che hanno completato la rappresentanza politica della nostra città.

 

Non c’è che dire, all’appello di Bruxelles tutti presenti, tutti pronti a sacrificarsi per una giusta causa, ma quando si tratta di far funzionare le commissioni e lo stesso consiglio comunale, per affrontare le gravi questioni che riguardano i cittadini, allora le assenze dai banchi di palazzo dei Priori diventano routine, mostrando il lato peggiore di una politica praticata da politicanti alla ricerca di particolari compiacimenti come può esserlo una trasferta in terra europea.

 

Oggi, comunque, sono molti i viterbesi che si stanno chiedendo: chi è che ha pagato la trasferta e la presenza della truppa di politici che ci hanno rappresentato all’Europarlamento di Bruxelles?

 

Il Direttivo Comunale di FondAzione per la Tuscia

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.