“Figuraccia Viterbo sul Tg5, Ciambella si dimetta”

1

 

VITERBO – “Invece di candidare Viterbo Capitale italiana della Cultura, mantenendo gli stessi soggetti che hanno già fallito andando fuori tema, il Sindaco purtroppo continua a candidarsi e candidare i suoi Assessori al titolo Amministratori Comunali Campioni Italiani delle figuracce.

 

Dopo i cartelli in inglese approssimativo, dopo il servizio giornalistico nazionale sulle migliaia di buche stradali cittadine, dopo aver abbandonato per mesi Fiore del Cielo a Milano, dopo il succitato fallimento del progetto di capitale italiana della cultura, dopo la figuraccia a Rai3 sulla questione terme, dopo 7 mesi di fiducia o sfiducia al Sindaco nella maggioranza, dopo tutti i disservizi, le carenze amministrative e le tasse alimentate da questo sindaco e questa giunta, omettendo per brevità altre situazioni negative di natura socio-economica che hanno pesato sempre sui cittadini, ora arriva anche la figura di ………. della sponsorizzazione del Duomo di Orvieto nel nuovo sito del nostro comune.

 

Siamo arrivati al limite del ridicolo, della superficialità e della incapacità, i cittadini oramai non ne possono più di questo andazzo e del modo di affrontare le questioni più disparate, ma soprattutto di vedere spendere soldi pubblici senza ottenere alcun risultato anzi spesso si cade nel ridicolo e non si centra l’obiettivo.

 

Crediamo che sia giunto il momento che qualcuno, tra Sindaco e Vice-Sindaco, chieda scusa ai cittadini viterbesi per quanto la città deve sopportare in termini di figuracce amministrative, magari scuse confortate anche da opportune dimissioni del Vice Sindaco autrice dell’ennesima gaffe, crediamo che con questi risultati ridicoli si continui a dimostrare l’arroganza e la presunzione di governare in maniera approssimativa e del vivere alla giornata senza avere idea di quello che si vuole fare.

 

Ci sentiamo in dovere di sollecitare un’atto di dignità e di responsabilità politica che sinora non c’è stata da parte di chi si ostina a voler governare senza numeri certi e senza progetti ed obiettivi seri ed utili alla Città di Viterbo, chiediamo le scuse ufficiali nei confronti dei cittadini tutti e che non si giochi allo scarica barile consueto che la colpa è sempre di qualcun altro per scantonare le responsabilità degli amministratori, leggasi Sindaco e Giunta.

 

Le parole dell’Assessore Ciambella sono state chiare e precise nella conferenza stampa di presentazione del sito web del Comune, ma evidentemente lei per prima non aveva notato il grossolano errore della foto del Duomo di Orvieto sotto la scritta Città di Viterbo, per cui erano parole convenzionali e di circostanza dettate da superficialità e presunzione, condite con la solita enfasi demagogica.

 

Oltre questo errore, nel sito, ce ne sono degli altri e ci sono anche omissioni importanti, per non parlare della configurazione grafica discutibile.

 

Una domanda sorge spontanea ma la ditta che ha realizzato il sito è la stessa dei cartelli turistici in inglese?

 

Certo tutto si corregge, ancora i cartelli non sono stati corretti, però rimane quel minuto di passaggio sul TG5 di Mediaset in cui viene ridicolizzata la città e l’assessore Ciambella.

 

Vorremo dare un consiglio all’assessore Ciambella, dopo tante brutte figure ne faccia una bella: si dimetta!!!”

 

Francesco Moltoni e Sergio Insogna (foto)
Consiglieri Gruppo GAL

Commenta con il tuo account Facebook
Share.