“Imu, e’ in atto un esproprio di Stato”

0

VITERBO – “Sì, l’Italia sta vivendo una vera “emergenza democratica”; a dirlo è lo stesso Giuseppe Fioroni, ex Ministro dell’Istruzione, intervenuto sulla questione che impone il pagamento dell’ICI anche agli istituti religiosi di Livorno, su decisione della Cassazione, tanto da indurlo a scrivere a Matteo Renzi per salvare le scuole paritarie.

 

Bella iniziativa questa dell’Onorevole Fioroni, soprattutto perché mette in risalto la violazione di diritti costituzionali e il rischio di vedere una scuola solo per i ricchi, nonostante la Riforma cosiddetta della “Buona Scuola”, voluta proprio dal Governo Renzi, oggi più popolare che mai per il folgorante annuncio di abbattimento delle tasse nei prossimi tre anni.

 

Finalmente abbiamo trovato un Politico che scende in campo per difendere qualcosa o qualcuno contro lo strapotere di quei Governi che, a proposito di ICI-IMU-TASI-TARI, ecc., non hanno preteso dai cittadini il giusto pagamento delle tasse, ma hanno praticato una vera “appropriazione indebita” che, com’è noto a tutti, ha causato una crisi senza precedenti nel settore immobiliare italiano che, fino a qualche anno fa, era il vero volano dell’economia nazionale.

 

Speriamo che, Fioroni, alle preoccupazioni per le sorti degli istituti scolastici religiosi, aggiunga anche le apprensioni per ciò che sta accadendo a coloro che pagano una IMU non più sostenibile perché triplicata rispetto agli importi della vecchia ICI e ci riferiamo ai tantissimi piccoli imprenditori che avevano investito soldi e sacrifici per non sborsare un affitto per la loro attività artigianale o commerciale e, oggi, invece, si vedono asfissiati da una “pressione fiscale” illegittima ed anticostituzionale che, tra l’altro, si aggiunge alla valanga di interessi bancari a copertura dei mutui, a suo tempo concessi per finanziare l’acquisto di uno spazio dove poter lavorare.

 

Quello imposto in Italia, è un vero e proprio sistema fiscale fraudolento che ha messo in ginocchio famiglie e imprese, in un Paese che sta contando un certo numero di “suicidi per disperazione”, del tutto ignorati da una Politica che continua a restare indifferente di fronte al bistrattato mondo del lavoro, sorda al grido di allarme per la frana che sta travolgendo il Paese e buona parte della sua popolazione.

 

Ci auguriamo che la battaglia dell’Onorevole Fioroni trovi tempo e stimoli anche per salvare la posizione di milioni di Lavoratori in continuo affanno per arrivare alla fine del mese, spennati da una Politica che, invece di salvaguardare i diritti fondamentali della gente, troneggia nei suoi scandali, nei suoi privilegi non dovuti, nella corruzione e in tante altre mediocrità di bassa lega, e lo faccia magari intervenendo anche sul Comune di Viterbo che si accinge ad aumentare ancora l’IMU e le altre voci fiscali che metteranno a dura prova la pazienza dei viterbesi.

 

In ultimo, all’Onorevole Fioroni, vorremmo chiedere se, “nell’emergenza democratica” da lui pubblicamente dichiarata, si può inserire anche il fatto che gli italiani sono governati da un premier non eletto? – Che il rischio di creare una Scuola solo per ricchi, esiste anche per la Sanità, visto che è in continua crescita il numero di persone, pensionati e non, che hanno smesso di curarsi per mancanza di soldi?

 

Sì, caro Onorevole, in Italia esiste una “emergenza democratica”, ma nutriamo più di un dubbio che la vertenza da Lei sostenuta rientri in tale inquietante situazione o, perlomeno, resta seconda a tante altre leggi che, mascherate come “Riforme”, stanno svilendo la democrazia e la partecipazione del popolo in favore di uno strisciante sistema dittatoriale”.

 

Roberto Talotta (foto)
Direttivo Comunale di FondAzione

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.