“La nostra sarà un’opposizione vigile e attenta”

0

 

VALENTANO – “Ad avvenuto insediamento, occorso venerdì 17 giugno, noi del Gruppo Consiliare del Movimento Civico Valentanese, desideriamo ringraziare i cittadini tutti per la loro partecipazione all’appena trascorsa tornata elettorale con la promessa che onoreremo al meglio il nostro ruolo istituzionale con terzietà ed imparzialità. Tuttavia, il nostro ringraziamento particolare va a coloro i quali ci hanno espressamente accordato la propria fiducia.

 

Gli 859 voti espressi dai valentanesi in favore della nostra lista ben dimostrano come il nostro paese abbia manifestato, nei fatti, la volontà ed il coraggio di confidare in un gruppo di giovani, avulsi dagli apparati politici del passato o da qualsiasi ambizione personalistica, scommettendo su quelle competenze e quell’impegno civico che noi stessi abbiamo deciso di mettere a completa disposizione del paese.

 

Volendo dunque onorare la scelta coraggiosa effettuata da Valentano, non mancheremo di proseguire lungo il percorso che abbiamo suggerito alla collettività, continuando a coltivare le nostre idee e i nostri progetti, cercando comunque di espletare al meglio le ragioni del controllo ispettivo che siamo chiamati ad esercitare all’interno del Consiglio Comunale.

 

La nostra sarà un’opposizione vigile ed attenta, intransigente qualora fosse necessario, ma sopratutto responsabile e propositiva nel cercare di promuovere tutti gli indirizzi strategici utili a favorire lo sviluppo di Valentano, paese che il governo del Sindaco, nella propria autoreferenzialità, ha costretto per troppo tempo all’immobilismo, al degrado e alla sciatteria amministrativa.

 

Duole infatti sottolineare come, la stessa presentazione degli “indirizzi generali di governo”, obbligo di legge da assolvere necessariamente nella prima seduta di insediamento del Consiglio degli Enti Locali, abbia già assunto le caratteristiche di una vera e propria beffa per la Comunità di Valentano. Una beffa perché il Sindaco, primo cittadino in continuità con il quinquennio precedente, pur trattando di indirizzi di governo, ancora oggi non è riuscito – nei termini e secondo le modalità di legge – a dotare l’Amministrazione, da lui guidata ed appena scaduta, del bilancio di previsione 2016, malgrado la diffida prefettizia inviata allo stesso Primo Cittadino e assunta a protocollo dal Comune di Valentano lo scorso 19 maggio.

 

Ora più che mai il nostro obiettivo principale rimane quello di sovvertire gli schemi obsoleti che nell’ultimo ventennio hanno caratterizzato il panorama politico valentanese, per cui, anche stando all’opposizione, cercheremo di instaurare un rapporto diretto con i cittadini, con l’intento di promuovere una forma di dialogo aperta al confronto, allo scambio di idee, alla partecipazione e al dibattito.

 

In quest’ottica, il nostro Gruppo Consiliare cercherà di favorire il coinvolgimento diretto della cittadinanza all’interno dell’azione amministrativa, promuovendo il formarsi di una concreta collaborazione attiva tra Comune e Valentanesi, così da meglio espletare l’impegno di vigilanza sull’operato di questa Amministrazione e intraprendere contestualmente un nuovo percorso politico, tanto attento alla gestione della Res Publica, quanto ad evitare gli errori del passato che hanno condotto il paese nel pantano dell’insufficienza e dell’inerzia governativa. Errori che si sono ripercossi sia sul dato dell’affluenza alle urne, mai tanto basso per una consultazione amministrativa, sia sulla perdita netta di consensi, pari a 309 voti, della lista risultata vincente e che hanno contribuito a fotografare un paese spaccato a metà.

 

Ci auguriamo quindi che il lavoro della nuova Amministrazione possa andare ben oltre quella che è la normale assegnazione dei seggi consiliari e degli schieramenti politici e invitiamo i colleghi Consiglieri ad una serena collaborazione, iniziando insieme a ragionare secondo un’ottica differente da quanto abbiamo appreso dalla politica generalista, per aprire invece una prospettiva funzionale allo sviluppo di Valentano, nell’interesse del paese e della sua collettività, con la speranza di risvegliare le coscienze di coloro che ancora credono valga la pena impegnarsi in una grande battaglia civile, fatta nel nome dell’onestà, della partecipazione, del volontarismo e che desiderano strenuamente finirla con la vecchia visione della politica valentanese conformista, orientata esclusivamente al quieto vivere, retorica, priva di costrutto, e inviluppata in se stessa”.

 

Il Gruppo Consiliare del Movimento Civico Valentanese
Stefano Bigiotti
Vittorio Bordo
Valerio Strada

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.