“L’amministrazione Michelini è fuori dalla realtà!”

0

VITERBO – “Mentre la macchina amministrativa del comune affonda il “comandante” cosa fa? Nomina un nuovo assessore. Roba da matti! Contravvenendo a quanto affermato in consiglio comunale, indice del valore della parola di Michelini, e alla faccia dello scandalo sui rifiuti che sta travolgendo il comune, paragonabile ad uno tsunami, di cui ancora non se ne conoscono entità e danni, il sindaco pensa all’ottavo assessore.

 

Ovviamente, però, si precisa che sarà tutto a risparmio, 8 al costo di 7; intendiamoci, parliamo di spiccioli rispetto a quanto sta venendo fuori dalla inchiesta “Vento di Maestrale”.

 

E rispetto allo scandalo rifiuti quello che riesce a fare l’amministrazione Michelini è annunciare che si costituirà parte civile; del resto era ignara di quanto stava accadendo, pur avendo assessori super lodati per le loro capacità tecniche, che non è astruso immaginare come avrebbero dovuto, quantomeno, conoscere quello che accadeva nei propri uffici, considerando il tipo di servizio ed il valore dell’appalto (altrimenti si potrebbe pensare che costano poco ma valgono pure poco).

 

Questa “negligenza” ricaduta sui cittadini, chi la pagherà, come e quando? Anche questa volta l’opposizione più e più volte, facendosi carico delle istanze della gente, aveva sollevato il problema in consiglio comunale. Solo FDI-An con due interventi già a gennaio di quest’anno, eppure niente, nessuno si era accorto di nulla. Del resto in maggioranza regnavano le beghe correntizzie, i personalismi, i problemi di rimpasto e rimpastini, insomma erano tutti presi dal cambiamento promesso alla città, un cambiamento di cui solo il “povero” Serra non se n’era accorto, denunciando l’immobilismo della giunta.

 

Una maggioranza tanto assorta in queste importanti questioni, che “distrattamente” votava compatta il “Piano finanziario per la determinazione di costi del servizio di gestione dei rifiuti urbani e la determinazione delle tariffe della TARI per l’anno 2014″, per la prima volta portato e votato in consiglio comunale con un aumento dei costi pari a €. 1.200.000,00 – del resto cosa importa, paga sempre pantalone – Ben 21 voti favorevoli, dal Sindaco in giù, assente solo Taborri, il resto tutti presenti, caso veramente raro con questa maggioranza. La delibera era proposta, ovviamente, dall’assessore Saraconi.

 

Questo è lo scenario politico che ci sta offrendo l’amministrazione Michelini, ormai lontana dai cittadini e dai reali problemi e che, speriamo, si allontani sempre più, tanto da non essere mai più vista!”

 

Luigi Maria Buzzi (foto)
Gianluca Grancini
Cons. Comunali FDI-An Viterbo

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.