Linea ferrovia Orte/Civitavecchia, Bernini (M5S): “Perché non si procede alla riapertura?”

0

ROMA – “Inaugurata il 28 ottobre 1928 e progettata per collegare le acciaierie di Terni con il porto di Civitavecchia la linea fu definitivamente chiusa in ogni sua tratta a partire dal 1994. Da allora, secondo quanto si può leggere dal sito di RFI, l’intera linea è dunque considerata <>.” questo quanto affermato dal Portavoce Viterbese del M5S Massimiliano Bernini, riguardo a un’interrogazione che ha depositato e che tratta della materia in questione “a prescindere dal fatto che dopo ormai ventidue anni, giudico veramente uno scherzo di cattivo gusto leggere che la linea è momentaneamente chiusa, la mia domanda è semplice e puntuale: cosa manca affinché la linea venga definitivamente riaperta?

 

In Paese dove ogni cosa viaggia in ritardo sembra quasi logico che ciò che è stato per molto tempo l’emblema della mobilità, cioè la linea ferrata, subisca i rallentamenti di una macchina burocratico-amministrativa sempre meno attenta delle esigenze e delle richieste dei Cittadini.

 

Infatti il ripristino della tratta ferroviaria Orte-Civitavecchia per il regolare servizio passeggeri, fortemente caldeggiato dalle comunità locali, dai comitati dei cittadini e dai loro rappresentanti istituzionali, consentirebbe di migliorare notevolmente i collegamenti con Roma, Viterbo, Orte e il litorale tirrenico, favorendo lo sviluppo economico-sociale dell’intera “Tuscia” e del comprensorio dei “Monti Cimini”, anche nel caso in cui fosse ripristinata solamente per finalità turistiche, come dimostrano le esperienze delle ferrovie turistiche Asciano-Monte Antico o la Palazzolo-Paratico.

 

All’interno dello stesso “Piano Regionale Mobilità, Trasporti e Logistica” è tra l’altro possibile leggere l’importanza del ripristino per l’utilizzo al pieno delle possibilità dek porto di Civitavecchia, nuove possibilità per il polo ceramico di Civita Castellana.

 

L’approvazione all’unanimità da parte del Consiglio Regionale del Lazio dell’Ordine del Giorno a prima firma della Consigliera del M5S Silvia Blasi per inserire la ferrovia Civitavecchia-Capranica-Orte tra le opere di primaria importanza da finanziare attraverso i fondi previsti dalla missione relativa al trasporto ferroviario, è solo un altro piccolo passo.

 

Nel frattempo, grazie al comitato per la riapertura della ferrovia Civitavecchia-Capranica-Orte, ho presentato un’interrogazione nella quale chiedo cosa manca ancora perché siano avviati i lavori di ripristino, come mai lRFI S.p.A. non abbia provveduto alla manutenzione ordinaria e straordinaria della linea ferroviaria e delle sue infrastrutture, soprattutto nel tratto tra Orte e Capranica, e che fine abbiano fatti tutti gli stanziamenti anche europei che sarebbero dovuti servire per la riapertura”.

 

Cittadino Portavoce Movimento 5 Stelle
Deputato Massimiliano Bernini
Commissione XIIIa – Agricoltura Camera dei Deputati

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.