Montefiascone, manto stradale in condizioni ormai insostenibili (foto)

0

MONTEFIASCONE – La rete stradale del comune di Montefiascone versa in condizioni ormai insostenibili. Via Card. Salotti ed un tratto di Via Contadini sono stati sistemati con l’intervento dell’azienda regionale ASTRAL, con un importo di circa sessantamila euro, che ha provveduto a rifare il fondo stradale, e la relativa segnaletica orizzontale ed ora, via Card Salotti risulta essere l’unica via con tutte le carte in regola di un paese che dovrebbe avere ben altre caratteristiche, mentre Via Contadini, per i primi circa cento metri, dipartendosi dall’innesto con la regionale Cassia è ancora una groviera.

 

Diversi mesi fa è stata rifatta anche via Verentana, ma la segnaletica orizzonte lascia molto a desiderare; negli ultimi mesi sono state fatte le linee bianche laterali che limitano la sede stradale, ma, contrariamente a quanto ha fatto l’ASTRAL in via Card. Salotti e nel tratto di via Contadini, non è stata fatta la striscia più importante, tra l’altro prevista dal codice della strada, quella centrale di mezzadria. Striscia che, in via Verentana, almeno fino alla chiesa del Riposo, andrebbe fatta doppia per evitare sorpassi visto che si è in una zona densamente abitata.

 

Una lacuna questa molto grave poiché, in caso d’incidenti, specialmente quelli frontali, è difficoltoso rilevare in breve tempo se le auto coinvolte erano nella propria corsia e chi era fuori di essa. La stessa cosa vale per la strada del lago che, in questo periodo, è estremamente trafficata con automobilisti che molto spesso, specialmente sulle curve, tagliano il raggio di curvatura mettendo in difficoltà chi transita in senso contrario; su questa arteria, forse, dovrebbe intervenire la Provincia, ma il comune ha il dovere di sollecitarla. Molti turisti e villeggianti ritengono che i responsabili del settore non siano troppo attenti alle normative del codice della strada e, di conseguenza, altrettanto poco preoccupati della sicurezza stradale.

 

Stando a quanto racconta il consigliere Paolini, il Sindaco L. Cimarello, all’avvicinarsi della tornata elettorale, dopo anni d’immobilismo, nonostante le continue lamentele dei cittadini ed automobilisti che usano la rete viaria del comune di Montefiascone, in questi ultimi tempi, avrebbe chiesto un prestito intorno agli ottocentocinquanta mila Euro per la sistemazione delle strade; provvedimento questo che il Paolini ritiene una mossa più per fine elettorale che per un interesse volto al decoro della vie cittadine e la sicurezza sulle strade della rete comunale.

 

Certo se dovessimo fare un’elenco delle vie e strade disastrate troppo lungo sarebbe il medesimo, anche perché tutti i cittadini conoscono la situazione; vogliamo, tuttavia, accennare alcuni tratti; la regionale Cassia dal KM novantacinque e quattrocento al Kmetro novantasei ed ottocento, dal km novantanove al Kmetro cento; Via Montisola compresa la frazione Giranesi, Via Contadini come su già detto, Via dei Pini ove le radici dei pini stanno sollevando tutto il fondo stradale, Via Paternocchio nella parte vicino alle case della omonima frazione, strada Umbrocasentinese dalla sua partenza dalla Cassia fino alla basilica di S. Flaviano, la stessa Cassia dal Kmetro novantasette ed settecento all’inizio della strada Umbrocasentinese, Via Capobianco, Via della stazione, il primo tratto di Via Contadini, il breve tratto, ancora in terra battuta, per circa cento metri, della strada che, dalle mura del cimitero, porta all’isola ecologica e la polvere entra dentro il cimitero stesso depositandosi abbondantemente sulle tombe, specialmente quella a cielo aperto. Tutto questo, nonostante il continuo via vai dei camion che raccolgono i rifiuti solidi urbani. La stradina che porta dal P.le Urbano quinto alla Rocca dei Papi, senza dimenticare via Aldo Moro, Via Asinello, Via Poggio della Frusta, P.le L. Boccadoro e tante altre.

 

Ancora una volta, commenta il Paolini, l’attuale Amministrazione, si dimostra molto opportunista in vista della prossima tornata elettorale, come d’altra parte c’è qualcuno che, apparentemente, accontenta i viticoltori con la strategia degli assegni; un’Amministrazione che, per anni, è andata avanti nel più totale immobilismo ed ora tenta, con queste strategie, di far breccia sull’elettorato, che mi auguro inizi a capire e non cada più nel tranello al fine di non avere un’altro quadriennio guidato dai personaggi di oggi, quindi condotto allo stesso modo e con lo stesso stile di un’Amministrazione che volge al tramonto e, sotto ogni profilo, è completamente da dimenticare.

 

Pietro Brigliozzi

 

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.