“No ad un Pd da Verdini a Orfini: neanche in salsa locale”

0

FABRICA DI ROMA – L’assemblea degli iscritti del PD di Fabrica ha deciso di formare una lista civica per le prossime elezioni comunali, una lista civica aperta a tutte le persone di buona volontà, che si ritrovano nel bisogno di costituire una amministrazione onesta, trasparente e partecipata cheponga le basi per risolvere i problemi di Fabrica di Roma, senza il bisogno di identificarsi in un particolare schieramento che sia comunque legato al passato ed all’attuale amministrazione che ha fallito su tutta la linea non avendo mai affrontato i veri problemi di Fabrica e delle frazioni.

 

Infatti finora l’amministrazione comunale non ha fatto nulla rispetto a quei problemi che possono essere elencati, senza voler essere esaustivi, nell’ inquinamento delle falde acquifere dovuto all’assenza di un impianto di depurazione, nell’assenza di adeguate strutture scolastiche, nei problemi legati all’acqua (arsenico e acquedotto) e nell’imposizione fiscale e tributaria ai massimi livelli.

 

L’attuale amministrazione, sostenuta da Forza Italia, non fa altro che peggiorare queste situazioni già gravi ed ha dimostrato totale incapacità nel creare sviluppo economico e veri posti di lavoro: nessun progetto serio per la riqualificazione dell’area archeologica di Faleri, nessuna partecipazione a bandi pubblici europei per lo sviluppo del territorio, dell’occupazione, dell’agricoltura e per la riconversione industriale come hanno fatto tanti comuni del nostro territorio. Nulla è stato fatto se non proclami elettorali, manifesti autocelebrativi e debiti per costruire parchi pubblici.

 

Nessun progetto per riconvertire l’asilo incompiuto al centro del paese. Spendono decine di migliaia di euro per avvocati ma il famoso milione di euro della vendita della farmacia comunale non si sa più se verrà incassato.

 

I bisogni reali di Fabrica richiedono ben altri coinvolgimenti, programmi e competenze. Il PD di Fabrica con i suoi consiglieri di minoranza ha sempre indicato la strada per risolvere i problemi,attraverso la costituzione di commissioni consiliari permanenti dove maggioranza e opposizione avrebbero potuto dialogare e insieme confrontarsi nei settori delle opere pubbliche, del commercio, dell’agricoltura, etc. coinvolgendo esperti, amministratori dei comuni limitrofi e la miriade di associazioni sportive e culturali del nostro paese.

 

Non siamo mai stati ascoltati da questa amministrazione che invece si è concentrata in attività che non sembrano avere altri obiettivi concreti salvo la creazione di un sistema di “amicizie”, e nulla sembra cambiare per il prossimo futuro.

 

Noi abbiamo lavorato e continueremo a lavorare per coinvolgere le migliori forze della società civile e questo sarà necessario anche per garantire la migliore tutela del nostro territorio in vista dell’attuazione del nuovo Piano Regolatore recentemente approvato dalla Regione.

 

Coerentemente con il lavoro svolto negli ultimi cinque anni dal PD e dai consiglieri Angeletti e Piergentili, l’assemblea degli iscritti ha deliberato che Fabrica deve cambiare completamente metodi e attività per rimettersi in corsa verso lo sviluppo economico, occupazionale e culturale dell’intera comunità.

 

L’ assemblea degli iscritti ha ribadito all’unanimità che il circolo del PD è l’unico organismo titolato ad esprimersi sulle alleanze e sulla linea politica per le future elezioni amministrative.

 

Nessuno pensi ad operazioni trasformistiche, che in continuità con l’amministrazione Scarnati, concepiscano di fare accordi sottobanco organizzati da qualche noto esponente del PD.

 

La lista da Verdini a Orfini, è stato bocciata a livello nazionale dalla mobilitazione delle coscienze: non consentiremo a nessuno di farlo a Fabrica di Roma”.

 

Circolo Pd Fabrica di Roma

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.