“Possibile Tuscia”, nasce il primo circolo

0

VITERBO – Nella Tuscia la politica non va in vacanza, “così come il Paese, e i suoi problemi, non vanno in ferie, non va in ferie nemmeno la voglia di contrastare l’operato del Governo, che a colpi di fiducia, ci vuole far cambiare verso, ma nel verso sbagliato con le leggi: la Buona Scuola, l’Italicum, lo Sblocca Italia e il Jobs act!!”.

 

Con queste parole Giovanna Posati, portavoce di Possibile Tuscia ha commentato la nascita del primo circolo della nuova formazione politica che vede come principale esponente Pippo Civati.

 

Il primo circolo della Tuscia di Possibile è intitolato a Sandro Pertini, “un politico onesto e sempre vicino ai cittadini, una figura di riferimento per noi da sempre di sinistra ma non politici professionisti che abbiamo scelto di dar vita ad un partito da votare” sostiene la Posati.

 

Tra le prime battaglie con cui Possibile Tuscia si confronterà: la raccolta firme per gli otto referendum lanciati dal partito a livello nazionale, che affrontano e mettono un freno alle storture legate all’Italicum, al Jobs Act, allo Sblocca Italia, alla Buona Scuola. Chi volesse dare una mano è invitato a contattare il circolo all’email viterbopossibile@libero.it,

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.