“Far decadere i consiglieri assenteisti!”

0

VITERBO – “Anche l’ultimo consiglio comunale ha patito la mancanza di un numero sufficiente di consiglieri necessario allo svolgimento dei lavori. L’assenza del minimo di 17 consiglieri di maggioranza, che ricordiamo conta ben 21 elementi, ha determinato la decadenza della seduta e quindi l’impossibilità di discutere mozioni ed atti amministrativi anche di una certa importanza.

 

Il fatto non è occasionale ma anzi si ripete ormai con una fastidiosa continuità e riteniamo che ciò non possa più essere accettato.
Il mandato elettorale è un impegno che ogni candidato eletto deve impegnarsi a rispettare e, tolti i casi di comprovate esigenze personali, peraltro previste nello Statuto della città e nel Regolamento per il funzionamento del consiglio comunale, la partecipazione alle sedute del consiglio deve essere sempre garantita.

 

Lo Statuto del comune di Viterbo, prevede all’articolo 22 comma 4 che se un consigliere comunale è assente senza giustificato motivo per 5 volte continuative o 8 assenze totali si può dar luogo al procedimento per la dichiarazione della sua decadenza. Abbiamo chiesto via mail e via pec al presidente del consiglio ed al segretario generale di verificare se esistano tali presupposti nei confronti dei consiglieri più spesso assenti e, nel caso, di procedere con quanto previsto dallo Statuto e dal Regolamento per il funzionamento del consiglio comunale.

 

Assenze che impediscono di discutere pratiche importanti per la città e per i cittadini non possono, a nostro avviso, essere più tollerate ed auspichiamo quindi un rapido intervento in merito del presidente del consiglio e soprattutto del sindaco”.

 

Movimento 5 stelle Viterbo

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.